Home Bellezza

Il lato oscuro dei cosmetici

CONDIVIDI
iStock Photo

Quando comprate un cosmetico leggete la sua lista ingredienti, non potete immaginare quali sostanze potrebbe contenere.

Ogni giorno le nostre cellule epiteliali vengono aggredite da milioni di agenti esterni: lo stress, l’esposizione prolungata al sole ed ai raggi ultravioletti, il fumo, l’inquinamento, il vento e gli sbalzi di temperatura provocano un aumento della formazione dei radicali liberi molecole ed atomi altamente instabili prodotti nel corso delle normali reazioni metaboliche del nostro corpo, che attaccano le cellule dell’organismo innescando un processo degenerativo chiamato ossidazione. A questo si aggiunge l’utilizzo di cosmetici e detergenti che contengono sostanze altamente tossiche, un vero colpo di grazia per la salute della nostra pelle.

Paraffine e siliconi  nascondono il vero volto della pelle

detergentiIn alcuni casi i cosmetici e i detergenti contengono derivati del petrolio, del midollo o della placenta di animali. È sufficiente leggere una etichetta cosmetica , sotto la voce INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) per averne la prova : nomi come Vaselina, Mineral Oil, Paraffinum liquidum per esempio, sono analoghi ed indicano che la sostanza deriva da petrolio raffinato. Il potere idratante di un cosmetico così ottenuto è quello di impedire che l’acqua presente naturalmente nella pelle evapori del tutto, dunque è quello di formare una vera e propria barriera tra l’epidermide e l’ambiente bloccando la funzione fisiologica e la traspirazione della pelle. Eventuali germi entrati in contatto con la pelle, potrebbero restare intrappolati dallo strato petrolifero provocando  irritazioni o favorendo l’ acne.

In altri casi i prodotti cosmetici sono costituiti da molecole di silicone o acrilati, usati perchè danno piacevolezza alla texture e conferiscono quel gradito effetto perlaceo: pelle liscia e capelli lucidi in realtà sono il risultato dell’effetto del silicone, che ricopre tutto come se fosse una patina di cellophane ed appena si smette di utilizzare il prodotto, la pelle torna come o peggio di prima.

Potrebbe interessarti anche—>20 sostanze tossiche da evitare nei cosmetici

Come difenderci?

E’ importante leggere sempre l’etichetta, contiene informazioni utili sul prodotto che state per comprare e sugli ingredienti in esso contenuti. Cercate di preferire cosmetici e detergenti che contengono sostanze naturali, senza impiego di solventi chimici, processo che ne conserva il patrimonio vitaminico e minerale.

La naturalità è il primo indicatore di qualità. Le piante rappresentano una ricchezza che non dovremmo mai dare per scontato.

Potrebbe interessarti anche—>Smalti bio, ecco perché preferirli a quelli comuni

Gli estratti vegetali, come l’olio puro, contengono molecole più simili al sebo che il nostro corpo produce naturalmente per mantenere in efficienza la pelle. Rispetto ai grassi di origine animale o minerale, come la vasellina, il silicone e gli acrilati, i prodotti naturali rilasciano vitamine e minerali che rendono la pelle sana e lucente,  aumentandone la resistenza alle temperature esterne, sia in caso di caldo eccessivo che di freddo intenso, inoltre contribuiscono a disperdere l’eccesso di calore interno.

Il contrasto all’ invecchiamento cellulare si ripercuote in modo diretto sullo stato della pelle e sul sopraggiungere dei segni dell’età. La pelle riceve nutrimento fin nel profondo, evidenziando miglioramenti visibili di tono, idratazione ed elasticità.