Home Attualità

Morta Mari Lopez, la donna convinta di aver sconfitto il cancro in soli 3 mesi grazie a una dieta vegana

CONDIVIDI

Mari Lopez non ce l’ha fatta. La donna divenuta famosa su Youtube come colei che, grazie alla fede e a una rigida dieta vegana e per lo più crudista, aveva sconfitto il cancro in appena tre mesi è morta proprio a causa di quel male che era sicura di aver prevaricato.

A dare la notizia della sua scomparsa è stata la nipote Liz Johnson, convinta fautrice del potere della preghiera e della dieta vegana e protagonista del canale Youtube Liz&Mari insieme alla zia. Qui per più di un anno le due donne texane hanno fornito consigli ai loro 11.781 seguaci su come sconfiggere il cancro alimentandosi per lo più di succhi di frutta a base di zenzero e limone e verdure crude. A ciò andava poi, secondo loro, affiancata una costante e fervida preghiera che per Mari era stata anche la via per allontanarsi dalla strada dell’omosessualità.

Negli anni il pubblico si era diviso al cospetto del canale di LIz e Mari: c’era chi ringraziava le donne per il loro supporto e consiglio e chi invece le attaccava, bollandole come pericolose ciarlatane.

Mia zia ci ha lasciati, il cancro è tornato. Non è stata coerente con la dieta e la vita spirituale.

La scomparsa di Mari risale allo scorso dicembre, un duro colpo per la nipote che solo a febbraio è riuscita a parlare di quanto accaduto: le sue parole sono ancora intrise di una ferma convinzione nel potere della preghiera e della dieta vegana e sottolineano come la disperazione in cui il ritorno del male aveva gettato la zia ha fatto sì che costei vacillasse, segnando forse irreparabilmente il suo futuro.

La zia aveva infatti optato per la chemio ed era tornata a mangiare carne, seppur in quantitativi limitati. Un approccio che Liz fa chiaramente capire di non condividere anche se poi, la maggior parte del filmato in cui annuncia la scomparsa di Mari, è volto a sottolineare come nessuna forzatura sia mai stata compiuta da lei nei confronti della zia o dei follower del suo canale.

Ognuno deve fare la sua scelta, spiega Liz, confidando che Dio lo guidrà sulla retta via. La sua di scelta verte però ancora una volta su succhi di frutta e preghiera e di ciò continuerà a parlare sul suo canale, premettendo semplicemente un disclaimer in cui affermerà di non avere responsabilità alcuna qualora i frullati non dovessero funzionare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> 12 limoni per scoprire se hai un tumore al seno

Naturalmente ci uniamo a Liz nel sostenere la libertà di scelta che ciascuno deve avere e siamo anche noi convinte dell’importanza di una sana alimentazione e di come, per chi crede, la fede possa esser un valido supporto. Riteniamo però anche che importante sia non essere miopi e tenere sempre presente quanto ogni genere di supporto possa esser importante in lotte difficili come quella contro un tumore: i medici da decenni tentano di aiutarci in battaglie così delicate, diamo loro la possibilità di farlo.