Home Attualità

La hostess più longeva di sempre: si chiama Bette Nash e ha 81 anni

CONDIVIDI
Photo credit should read ERIC BARADAT/AFP/Getty Images

Penso che sia un lavoro meraviglioso e non c’è nient’altro che vorrei fare

A parlare è una signora di quasi 82 anni che lo scorso novembre ha festegiato i 60 anni di carriera. Una carriera da hostess.

Bette Nash è un vero e proprio mito nel suo settore, quello dei voli di linea. Mentre i nomi delle compagnie cambiavano , le divise si modernizzavano, la tecnologia si faceva sempre più protagonista, Bette Nash proseguiva, giorno dopo giorno, nel suo lavoro di assistente di volo, quello che aveva sempre voluto fare.

Ho voluto diventare un’assistende di volo da quando sono salita sul mio primo aereo. Avevo 16 anni, il pilota e lo staff hanno attraversato il corridoio e ho pensato: “Oh mio Dio, questo è quello che fa per me”

E lo ha fatto, per 60 anni, sempre con la stessa compagnia, quella che oggi conosciamo come American Airlines, e che negli anni ha cambiato più volte nome, tenendo però Bette sempre con sè. Una sola parentesi l’ha allontanata dall’aziende a cui ha giurato fedeltà: fare da assistente di volo per John e Jackie Kennedy, uno di quei lavori a cui è impossibile dire di no.

La più longeva assistente di volo di tutto il mondo ricorda bene quando ogni cosa si scriveva con il gesso su una lavagna e per raggiungere il proprio volo si attraversavano le piste proprio come oggi si attraverserebbe una strada, facendo attenzione che nessun aereo fosse nei paraggi.

VIDEO NEWSLETTER

La parte del volo che preferisco è salutare i passeggeri mentre si imbarcano o scendono dall’aereo. Le persone sono davvero affascinanti ed è stato sempre un vero piacere.

Negli anni Bette ha volato un po’ ovunque nel mondo, portando sempre con sè la sua filosofia, quella basata sull’assunto per cui ogni persona voglia un po’ di amore. Lei cerca dunque di fare ciò mentre lavora, far sentire i passeggeri amati e coccolati, offrendo un biscotto o regalando un semplice saluto caloroso e le persone se ne accorgono. I viaggiatori più frequenti sono felicissimi di trovare Bette sul proprio volo e c’è chi la definisce addirittura come una “mentore”, qualcuno a cui ispirarsi.

Quando penso che potrei andare in pensione poi vengo a lavoro e penso: “non potrei farlo”