Home Dieta e Alimentazione

Dieta: 3 motivi per cui è sbagliato abolire i grassi

CONDIVIDI

grassi buoni

Spesso chi è a dieta, forse nel tentativo di raggiungere più in fretta il proprio obiettivo, si trova ad affrontare diete del tutto prive di grassi. In realtà, seppur sia giusto moderarne il consumo laddove se ne assumono tanti e del tipo sbagliato, i grassi sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo e, anche può suonare strano, servono anche a dimagrire. Tutto sta nello scegliere quelli giusti e nel mangiarli nella giusta quantità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Pane e olio: ecco perché questa merenda fa bene alla salute

3 motivi per cui è sbagliato eliminare i grassi dalla propria alimentazione

  • Iniziamo dall’aspetto che più ci preme e parliamo proprio di dieta. Mangiare meno grassi può aiutare a dimagrire ma abolirli vi darà l’effetto opposto. La loro assunzione, infatti, specie se all’interno di un pasto contenente carboidrati, rallenta l’entrata in circolo degli zuccheri, favorendo così il controllo glicemico.
  • Eliminare i grassi porta a degli squilibri ormonali al punto da mettere in pericolo l’arrivo stesso del ciclo. Restando in campo ormonale, i grassi fungono anche da precursori per tanti neurotrasmettitori, indispensabili al corretto funzionamento dell’organismo che, tra le altre cose, necessita appunto dei grassi.
  • Fanno bene al cervello che si nutre di acidi grassi per svolgere al meglio il suo lavoro. Eliminarli dalla propria alimentazione, secondo diversi studi, porta ad avere svariati problemi come scarsa concentrazione, umore instabile, difficoltà nell’attenzione e nel focalizzare i pensieri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> È ufficiale: la frutta secca è un valido aiuto per chi è a dieta

Insomma, se per dimagrire è giusto eliminare fritti, insaccati ed alimenti ricchi di grassi saturi, per vivere bene e dimagrire in modo corretto è bene mantenere una dieta sana e a base di grassi insaturi e ricchi di Omega 3 come quelli derivanti dall’olio extra vergine d’oliva, dalla frutta secca e da alimenti come avocado o salmone.