Home Make Up

Il contouring prodotto dopo prodotto: guida a palette & Co.

CONDIVIDI
iStock Photo

Quando la moda chiama le griffe risponono. E’ una regola antica almeno quanto l’universo della moda stesso: se qualcosa inizia a fare tendenza i marchi di tutto il mondo saranno ben felici di mettere a disposizione delle loro clienti la loro personalissima versione del prodotto più ambito del momento.

Ciò vale per l’abbigliamento, per gli accessori ma anche per il settore beauty. Mai come nel XXI secolo infatti la passione dlle donne per il fashion si è allargata a quanto concerne la bellezza: make up, cura della pelle e benessere in generali sono settori in continua e totale ascesa e anche qui, ovviamente, le mode fioriscono. Le maschere in tessuto spopolano e ogni marchio ne ha la sua variante, lo stesso dicasi per i rossetti liquidi o i kit per ridisegnare le sopracciglia: la moda chiama le griffe rispondono, appunto!

Potevano allora mancare nei vari scaffali delle profumerie i prodotti per realizzare la tecnica di make up più ambita degli ultimi anni? Certo che no! Ecco allora che spopolano qua e là, palette, boccette e set dedicate a uno e un solo scopo: il contouring!

iStock Photo

La tecnica che vi abbiamo accuratamente descritto in Contouring: cos’è e come si fa in base alla forma del viso è senza dubio tra le più ambite dalle fashion victim di tutto il pianceta: i mak eup artist la usano da una vita ma solo recentemente abbiamo avuto anche noi comuni mortali la fortuna di scoprire tutto questo magnifico gioco di luci e ombre mirante a ridare i giusti volumi ai lineamenti del volto. Avevamo del resto sempre sospettato che un qualche segreto ancora da svelare si celasse dietro i volti perfettamente cesellati delle star di Hollywood e ora che abbiamo svelato l’arcano non vogliamo più farne a meno.

In fin dei conti il mondo del beauty è ben felice di accontentarci e si è, ngli ultimi anni, divertito a proporre prodotti sempre nuovi, diversi e più o meno versatili per trasformarci in delle convinte seguaci del contouring. Ecco allora fiorire palette in crema e in polveri, vasetti con polvere libera, stick e chi più ne ha più ne metta, tutti all’insegna di terra, blush e illuminante.

Ma quali sono le proposte più valide? Come scegliere tra le varie texture? Quali i segreti persfruttare al meglio ilpotenziale di ogni prodotto? CheDonna.it vi invita oggi a scoprire tutte le soluzioni messe a disposizione dal mondo del make up per chi volesse intraprendere le vie del contouring, illustrandovi vantaggi e svantaggi di ogni variante e guidandovi nella scelta di quella più adatta alle vostre esigenze.

Pronte allora per fare acquisti? Scoprite su che cosa puntare e poi… mano alla carta di credito!

iStock Photo

Contouring: i prodotti migliori da usare

Proprio come ogni lavoro di qualità che si rispetti, anche la realizzazione del contouring vede dipendere gran parte del suo risultato dalla bravura nella scelta dei prodotti. Non solo l’accortezza di scegliere prodotti di qualità ma anche la sapienza di saper selezionare tra questi quelli più adatti alle nostre esigenze saranno decisivi nel garantirci un risultato semplicemente impeccabile.

Ma di quali esigenze staremo parlando? Già perché solitamente qando si parla di selezionare una determinata tipologia di prodotto nel settore beauty si fa riferimento esenzialmente alla tipologia della nsotra pelle: scegliere tra un fondotinta e un altro, un correttore e un altro è questione essenzialmente di differenze tra pelle grassa e pelle secca o pelle matura e pelle giovane. Nel caso del contouring però non è essenzialmente così.

E’ naturalmente vero che anche qui i prodotti saranno pensati per pelle più o meno tendenti al grasso ma è altrettanto vero che un secondo fattore entra prepotentemente in gioco: l’esperienza! Quanto ci sapete fare on pennelli, terra e affini? La domanda conta in questo caso più che mai dato che quando parliamo di contouring ci stiamo riferendo essenzialmente a una tecnica non tra le più semplici, bisognosa di tanta meticolosità, precisione e manualità. Il rischio più pericoloso e, ahimè, anche il più comune in cui incorrere sono le temute macchie: la terra si trasforma in una chiazza marrone e l’illuminante in un faro che mette in bella mostra ogni nostro poro, le sfumature si fanno inesistenti e l’effetto mascherone è garantito. Un vero e proprio incubo insomma! Evitarlo può esser essenzialmente questione di semplificarsi la vita scegliendo i prodotti più semplici da lavorare.

Studiamo allora le caratteristiche di ogni singola texture e qualche proposta interessante che il mercato può darci per ciascuna di loro, a prezzi elevati ma anche più contenuti.

iStock Photo

Contouring prodotti in polvere

Loro sono la vera ancora di salvezza per le neofite del contouring. Un prodotto in polvere si sfuma con più semplicità e può esser dosato con parsimonia, stratificandolo un po’ alla volta sino ad ottenere il risultato desiderato.

Un’accortezza importante sarà quella di stendere uno strato di cipria sopra il fondotinta prima di procedere alla realizzazione del contouring. il contatto diretto tra un prodotto cremoso e uno in polvere potrebbe infatti farci incorrere nelle temute macchie, proprio ciò che vogliamo evitare.

Tra polvere libera o compatta sentitevi invece libere di scegliere, anche il base alla spesa che volete sostenere.

iStock Photo

Tra i prodotti più quotati ce ne sono infatti alcuni alquanto costosi e altri assolutamente low cost. Tra i primi annoveriamo sicuramente la terra di Chanel, Les Beiges, un sicuro successo al prezzo di 50 euro, ma anche la Cocoa Contour Chiseled to Perfection di Too Faced, acquistabile per circa 40 euro. Come dimenticare poi due must come la Charlotte Tilbury Filmstar Bronze & Glow o la Nars Contour Blush? La prima viene 65 euro mentre la seconda è acquistabile a un prezzo di “appena” 39 euro.

Siamo ancora troppo in alto con la cifra? Niente paura, abbiamo tantissime alternative assolutamente low cost. Il primo che vi proponiamo è un duo in polvere libera: Ombraluce di Nece cosmetics, costo 17,90 euro. Wycon propone invece un trio dalle sfumature fredde, la Powder Contouring Palette costo 13,90 euro, battuto però dagli 8.95 euro della MegaGlo™ Contouring Palette Terra di Wet’n’Wild. A pari costo la Shade Fusion Trio Blush di Kiko.

iStock Photo

Contouring prodotti in crema

Qui ci addentriamo invece nella vra e propria moda del momento. Le palette in crema per il contouring sembrano esser divenute un vero e proprio must, prodotto immancabile nel beauty di una vera amante del make up ma chiedetevi: siamo in grado di utilizzarle?

E’ vero, stiamo parlando di un cavallo di battaglia dei make up artist e questo ci fa pensare che sia la vera garanzia di un risultato da 10 e lode ma dobbiamo anche accetare il fatto che si tratta, per la’ppunto, di un prodotto da esperti. Le creme sono più difficili da sfumare, da dosare e, soprattutto, una volta fissate con la cipria difficilmente si prestano a revisioni e correzioni.

Se quindi siete delle vere maestre del trucco approfittate pure di queste opportunità, altrimenti riservatevele per un futuro in cui avrete acquisito maestrie con la tecnica in questione.

Anche qui comunque le proposte più o meno low cost non mancano.

iStock Photo

Il must have qui è senza dubbio la Anastasia Beverly Hills Pro Series Contour Cream Kit Fair, una vera e propria gemma e non a caso tra le palette più copiate di sempre. Costo? Poco meno di 50 euro. Make up for ever propone invece la Pro Sculpting Palette, una palette da 4 cialde pensata in diverse varianti per adattarsi a ogni incarnato. Costo: 44.50 euro.

Famosissima anche la Make Up Revolution Cream Contur Palette, soprattutto per il suo costo super contenuto: 8,99 ero. Altri prodotti low cost da provare sono la Nyx Cosmetcis Cream Highlight & Contour Palette, 14,40 euro, e la ELF Cream Contour Palette, appena 5 euro.

Ma se volessimo risparmiare ancora di più? Ricordiamo che per un contouring super naturale basterà giocare con fondotinta di diverse tonalità. Conservate allora il fondotinta estivo, quello che comprate un po’ più scuro per assecondare l’abbronzatura, e usatelo al posto della terra per un contouring in crema all’insegna del risparmio.

iStock Photo

Qualche ultimo consiglio finale? Scegliete bene i colori: ricordate che la terra deve esser preferibilmente in sfumature fredde (decisamente più naturali) e assolutamente priva di glitter; l’illuminante va scelto selezionando un sottotono in armonia con il proprio incarnato, prefernedo lepiù naturali varianti dello champagne.

E i pennelli? Be’ qui, scusate il gioco di parole, ma le dimensioni contano veramente. Il contouring è un lavoro certosino: sfumate dunque i vostri prodotti con pennelli piccoli e dalle setole morbide, più precisi e perfetti per lavorare al meglio le varie sfumature.