Home Attualità

Dolores O’Riordan: sospetta morte per overdose

CONDIVIDI

dolores o'riordanContinuano le indagini sull’improvvisa morte di Dolores O’Riordan, la cantante dei Cranberries che lo scorso 15 Gennaio è stata trovata morta a soli 46 anni. Secondo le ultime notizie, la causa potrebbe essere un’overdose di Fentanyl contraffatto, lo stesso antidolorifico che in passato ha già causato la morte di Prince.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Addio Dolores O’Riordan: gli irlandesi scendono in piazza per cantare i successi dei Cranberries

Indagini ancora aperte sulla morte della cantante

Secondo il Santa Monica Observer, accanto al corpo della cantante sarebbero state trovate delle dosi del potente oppiaceo Fentanyl. Una scoperta che ha aperto il campo a nuove indagini ma che al momento resta, appunto, un sospetto. La verità è che sull’improvvisa scomparsa della cantante si sa ancora poco ed è necessario attendere gli esiti degli esami tossicologici per avere qualche notizia più approfondita. Potrebbe essersi trattato di un incidente così come di un suicidio e il dubbio potrebbe restare tale per sempre.
Intanto, quel che è certo è che mentre parenti ed amici la davano come fortemente depressa da diverso tempo, l’amministratore delegato dell’etichetta Eleven Seven Dane Wane aveva rivelato che, poco prima di morire, la cantante gli aveva lasciato in segreteria un messaggio entusiastico per via della nuova cover del brano Zombie.
Un anno fa circa la stessa Dolores aveva ammesso di soffrire di depressione e di aver tentato il suicidio nel 2013, anno nel quale si sentiva sopraffatta anche per via di alcuni abusi che aveva subito da una persona a lei vicina quando era ancora una bambina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dolores O’Riordan era “terribilmente depressa”: la rivelazione degli amici

Si tratta quindi di un mistero che sembra destinato a restare irrisolto ancora per un po’ e che non lascia scampo a chi da giorni sta soffrendo per la perdita umana ed artistica. Un vuoto che sarà sicuramente difficile da colmare.