Home Contorni

Trovata la formula matematica per le patate al forno perfette

CONDIVIDI
iStock Photo

Fritte, lesse, a mo’ di purea e chi più ne ha più ne metta. Modi per cucinare le patate ne esistono davvero tanti ma uno tra tutti rimane forse il preferito dagli italiani: le patate al forno. Una ricetta banale solo in apparenza perchè nessuno meglio di una donna appassionata di cucina può capire quanto sia difficile realizzare delle patate al forno veramente buone.

La giusta croccantezza, la succosità interna, l’aroma ben bilanciato, sono tutti dettagli essenziali per la buona riuscita del piatto ma, al tempo stesso, non certo tra i più facili da ottenere.

Ecco perchè il web pullula di ricette e trucchi del mestiere per a perfetta patata al forno. C’è chi dice di sbollentarle prima, chi consigli di optare per un passaggio finale a temerature assai elevat, chi risolve con un ciuffo di burro ma a quanto pare la soluzione ideale non è da ricercarsi tra queste.

A trovare la chiave di volta per le perfette patate al forno sono stati gli alunni dell’università alberghiera Edge Hotel School. Collaborando con la Samuel Whitbread School (accademia che offre formazione extrascolastica) nel Bedfordshire, gli studenti hanno elaborato quello che oggi è noto come il “Metodo Edge Hotel School“, una tecnica basata su una formula matematica che verte a massimizzare la superficie delle patate così da renderle più croccanti e deliziose.

Una vera e propria scienza dunque potrebbe celarsi dietro le impeccabili patate al forno, il cui segreto si nasconderebbe nel momento del taglio. Mantenendo un angolo di 30° aumenterà la superficie della patata esposta alla cottura ben del 65%, con equivalente aumento della croccantezza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Patate e zucchine gratinate al parmigiano

Il metodo è stato sperimentato nel Regno unito con un certo successo, tanto che molti chef sembrano già lanciati nell’applicarlo quotidianmente nei loro ristoranti. Che ne dite, ci proviamo? Basterà tagliare prima le patate longitudinalmente e poi ancora a metà mantenndo l’angolo di 30°: il successo è garantito!