Home Attualità

Tappezza Livorno di striscioni per risentire il battito del cuore del figlio

CONDIVIDI

“Dove sei magico battito”. Quattro parole che si potevano leggere su una serie di striscioni che hanno tappezzato Livorno nella mattinatà di lunedì. Ad affiggerli Mario Bartoli, 62 anni, ex portuale ma soprattutto padre di Christian, un ragazzo deceduto il 19 gennaio 1998.

In questi 20 anni Mario non ha mai dimenticato il suo Christian, in nome del quale ha fondato anche un’organizzazione di beneficenza, il Club Amaranto Christian, ricordando la fede calcistica del figlio.

Oggi però, in questo anniversario così particolare, Mario vuole qualcosa di più:

Mio figlio, infatti, ha donato tutto quello che poteva e per questo qualche anno fa gli è stata anche intitolata una piazza. Purtroppo i medici per legge non possono darmi le generalità dell’uomo che ha ricevuto il suo cuore, so soltanto che ha 71 anni e che è stato operato tra il 19 e il 20 gennaio 1998 a Bologna quando di anni ne aveva 51. Spero che questo mio appello possa arrivare ai suoi orecchi e che possa esaudire il mio desiderio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Regalo di nozze a sorpresa per la sposa: tra gli invitati al matrimonio l’uomo che vive grazie al cuore del figlio

Il suo appello, riecheggiato nelle strade di Livorno, rimbalza ora sul web e sui giornali dello Stivale nella speranza di giungere agli occhi e al cuore del diretto interessato, per far sì che il sogno di Mario possa divenire realtà e che quel battito possa tornare a riecheggiare nelle sue orecchie.