Home Dieta e Alimentazione

Perdi fino a 4 kg con la dieta del pompelmo

CONDIVIDI

dieta pompelmoOgni anno porta con se nuove diete che promettono di perdere peso in poco tempo. Solitamente si tratta di mode passeggere che sul momento hanno un grande impatto su chi, specie dopo le feste, desidera smaltire i chili acquisiti. Oggi, quindi, analizzeremo insieme una delle più in voga: la dieta del pompelmo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta: ecco i motivi per cui probabilmente non perdi peso

Perdere fino a 4 chili in un mese con la dieta del pompelmo

Questa dieta che promette di far perdere quattro chili in un mese si basa sull’assunzione giornaliera di circa 1200 Kcal, a queste si affianca il consumo del pompelmo che, unito ad altri alimenti, aiuta a contrastare i carboidrati ed i grassi in eccesso fungendo anche da disintossicante.
Una giornata tipo si articola con una colazione a base di succo di pompelmo e di due o tre fette biscottate da alternare con 30 gr di cereali integrali.
Lo spuntino di metà mattina sarà invece a base di frutta o con un tè accompagnato da un paio di biscotti secchi.
Il pranzo prevede un’insalata con 100 gr pollo da alternare con 90 gr di tonno al naturale o 50 gr di mozzarella e a cui va aggiunto del pompelmo a pezzi.
La merenda sarà costituita da uno yogurt bianco magro e da mezzo pompelmo.
Segue infine la cena a base di 150 gr di pesce o di pollo che possono essere alternati con un uovo in camicia o 70 grammi di formaggio magro. A queste proteine vanno unite delle verdure a piacere fatta eccezione per le patate.
Durante il giorno vanno consumati due cucchiai di olio e vanno bevuti almeno due litri d’acqua. Inoltre va moderato il consumo del sale.
Lo sport è altamente consigliato nell’ordine di mezz’ora al giorno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Colazione: cinque alimenti che non andrebbero mangiati

Questa dieta, come ogni altro regime alimentare, può essere seguita solo da persone sane, che non soffrono di alcuna patologia, non sono in stato di gravidanza e non assumono farmaci di ogni tipo. Non va seguita per periodi prolungati ed è sempre meglio rivolgersi al proprio medico curante per avere utili dritte da seguire in merito.