Home Attualità

Catherine Deneuve risponde alle critiche: “soltanto alle vittime di molestie presento le mie scuse”

CONDIVIDI
Photo by Chris Jackson/Getty Images

Saluto fraternamente tutte le vittime di atti odiosi che possono essersi sentite offese. E’ a loro e soltanto a loro che presento le mie scuse

Catherine Deneuve torna a parlare di molestie sessuali e lo fa in  una lettera aperta, pubblicata in prima pagina su Libération, in cui risponde alla pioggia di critiche piovutale addosso un po’ da ogni dove a seguito della sottoscrizione di un’altra lettera, quella pubblicata sul giornale Le Monde, promossa da un gruppo di intellettuali, che, in nome della libertà sessuale, difendevano la “libertà di importunare”.

Catherine Deneuve torna a parlare di molestie sessuali e lo fa in  una lettera aperta, pubblicata in prima pagina su Libération, in cui risponde alla pioggia di critiche piovutale addosso un po’ da ogni dove a seguito della sottoscrizione di un’altra lettera, quella pubblicata sul giornale Le Monde, promossa da un gruppo di intellettuali, che, in nome della libertà sessuale, difendevano la “libertà di importunare”.

Pur ribadendo il suo essere una “donna libera”, ora l’attrice parla di un “testo vigoroso anche se non del tutto giusto”, sottolineando però come “il testo non lascia mai intendere che la molestia va bene, sennò non l’avrei firmato”.

Ciò da cui Catherine Deneuve prende però nettamente le distanze sono alcune dichiarazioni fatte da altre firmatarie della discussa lettera, tra cui quelle dell’ex pornostar Brigitte Lahaie secondo cui “anche chi viene stuprata può gioire”.

E’ indegno, è peggio che sputare in faccia a tutte quelle che hanno subito questo crimine.

Un leggero cambio di rotta dunque per l’attrice simbolo di Francia, una specificazione della sua posizone piuttosto che una vera e propria ritrattazione, che però si spera possa bastare a mettere almeno un po’ a tacere le aspre critiche con cui sino ad oggi ha pagato la sua posizione, per così dire, “fuori dal coro”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Molestie sessuali, Catherine Deneuve dice la sua: “difendiamo la libertà di sedurre e importunare”

Certo è che sarebbe stato meglio realizzare un po’ prima quanto questo “testo vigoroso” presentasse passaggi non pienamente condivisibili e trovare forse una via meno provocatoria per esprimere il proprio pensiero. Siamo certe sarebbe stata egualmente “vigorosa”.