Home Dieta e Alimentazione

Bere 2 litri di acqua al giorno: un falso mito da sfatare

CONDIVIDI
iStock Photo

Ce lo dicono da sempre: bere due litri di acqua al giorno pare esser la soluzione a ogni male. Hai una pelle troppo secca? Bevi due litri di acqua al giorno! Hai la cellulite? Bevi due litri di acqua al giorno! Hai la pancia gonfia? Bevi due litri di acqua l giorno! Le prime rughe iniziano a comparire sul tuo viso? Bevi due litri di acqua al giorno!

Insomma, sembra che ingurgitare questo fatidico quantitativo quotidiano di acqua sia la chiave di volta per diventare delle bellezze da copertina e vivere una vita lunga e sana. Ma chi ha deciso che due litri siano il quantitativo giusto per tutti noi?

Il numero sembra esser di quelli magici, piovuti dal cielo e dunque da accettare per partito preso ma, udite udite, a ben indagare non vi è alcuna prova scientifica alla base di questi due litri di acqua da ingerire giorno dopo giorno.

La nascita del mito risale al 1945, quando l’associazione americana Food and Nutrition Board of the National Academy of Science rese pubblico il messaggio per cui bere oltre 2 litri di acqua al giorno sarebbe stata la salvezza dell’umanità. Nessuna prova scientifica era però presentata a supporto di tale verità oracolare ma ancora oggi perseveriamo nel prendere la cosa per buona come partito preso.

E pensare che nel 2011, il British Medical Journal ha anche cercato di smentire questa leggenda popolare, presentando una ricerca in cui si provava che il quantitativo dei 2 litri era parto di una campagna denominata Idratazione & Salute e creata dalla famosissima azienda Danone, che ad oggi è uno dei maggiori proprietari di marchi d’acqua.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> L’acqua e i suoi benefici sul nostro corpo: l’idroterapia

Che dunque tutta questa storia dei due litri di acqua al giorno sia solo l’ennesima operazione di marketing? Potrebbe ssere, anche perché individuare un quantitativo generico buono per tutti gli esseri umani è pressoché impossibile in qualsivoglia settore. Ognuno di noi ha esigenze particolari che andrebbero studiate e poi assecondate.

Insomma, non fidatevi delle verità assolute: consultate un esperto e fate sì che esistano regole su misura per voi e solo per voi.