Home Attualità

Ennesima bufala su WhatsApp crea allarmismo tra gli utenti

CONDIVIDI

WhatsApp, l’app di messaggistica più famosa e usata del Pianeta e, forse proprio per questo, anche la più chiacchierata.

Sono in molti infatti a osservarne ogni dettaglio, aggiornamento ed eventuale variante, spesso promuovendo anche un allarmismo decisamente fuori luogo circa eventuali sviluppi futuri del’app stessa.

Quante vole vi sono arrivate infatti catene minatorie che insinuavano un futuro a pagamento per la celebre app? Costi decisamente non graditi per continuare a utilizzare il canale di comunicazione più gettonato degli ultimi anni: vade retro! Eppure le fake news sul tema continuano a proliferare.

L’ultima della serie, quella che oggi intendiamo smentire, vorrebbe il 13 gennaio come data X, quella in cui la app inizierà a farsi pagare. Guarda caso, per evitare il terribile fato, il messaggio invita tutti gli utenti a inoltrare la comunicazione a 20 contatti, gesto che garantirebbe di scampare il pericolo. Buffo, non vi pare?

VIDEO NEWSLETTER

POTREBBE INTERESSARTIA ANCHE –> WhatsApp: dal 31/12/2017 smetterà di funzionare su alcuni sistemi operativi

Diffidiamo dunque di simili WhatsApp minatori: il colosso della messaggistica istantanea potrebbe un domani tornare a chiedere soldi ai suoi utenti, certo, ma se mai deciderà di farlo sceglierà senza dubbio canali più ufficiali e attendibili per comunicarlo, vi pare? Al momento sia il sito ufficiale di WhatsApp che i profili di Twitter e Facebook dell’azienda tacciono totalmente: per il momento dunque possiamo dormire sonni tranquilli, anzi, messaggiare tranquilli!