Home Attualità

Odi gennaio? 5motivi per cui hai assolutamente ragione

CONDIVIDI
iStock photo

C’è chi lo interpreta come un nuovo inizio, la meravigliosa possibilità che il post Feste ci regala per ripartire da zero. Se però non fai parte di questa categoria senza dubbio gennaio sarà per te il peggior mese dell’anno.

Di buoni motivi per sostenere quest’ultima tesi non ce ne sono del resto pochi. Noi di CheDonna.it ne abbiamo selezionati per voi 5, quelli che a nostro parere più influenzano l’umore negativo di queste lunghe settimane di gennaio. Li condividi anche tu? Faccelo sapere e spera che questo gennaio voli via più velocemente possibile.

1 – L’eterno lunedì – è il primo mese dell’anno, quindi una sorta di perenne inizio post clima vacanziero. Quella sensazione di pigrizia incoercibile che ci coglie ogni lunedì qui si protrae per ben 31 giorni: difficile mandar giù la cosa.

2 – Buoni propositi obbligatori – Un po’ la tradizione, un po’ quel senso di dovere che la società ci impone, l’inizio anno ci obbliga a dieta, sport, sane abitudini e dimostrazioni di carattere che solitamente tendiamo a evitare o, quantomeno, a dilazionare in periodi assai più lunghi e articolati. Gennaio invece è così: tutto e subito per dimostrare che il nuovo inizio ha fatto scendere in campo una versione migliorata di nois tesse (che poi solitamente è un bluf che decade il primo febbraio)

3 – Il freddo – Va bene, il caldo afoso può esser altrettanto se non più fastidioso, ma quel gelo che vi coglie ogni mattina quando uscite dal letto, che vi aspetta fuori dalla doccia, che vi rende intollerabile anche solo metter il naso fuori dalla porta dopo le 6 di pomeriggio… ma come si fa a sopportarlo?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Saldi invernali: quando iniziano regione per regione

4 – Blue Mondey – La base scientifica è traballante ma risulta oramai diffusamente riconosciuto che il terzo lunedì di gennaio coincida con il giorno più triste dell’anno. Forse non sarà una scoperta da premio Nobel ma vogliamo realmente ignorarla?

5 – La povertà – Ci sono i saldi, vorresti concederti qualche acquisto extra ma ecco che ricordi lo stato di un color rosso fulgido in cui le Feste hanno lasciato il tuo conto in banca. Mangiare una pizza potrebbe essere na spesa titanica, figuriamoci acquistare quegli stivali che ammiri da mesi in vetrina!