Home Dieta e Alimentazione

L’alfabeto vitaminico: a ogni “lettera” una funzione specifica

CONDIVIDI
iStock Photo

E’ importante assumere il giusto quantitativo di vitamine. Ce lo dicono da sempre, da quando la nonna ci propinava spremute a raffica per fare il pieno di vitamina C, ma sappiamo realmente a che cosa servono le varie vitamine?

Ecco un decalogo delle varie vitamine, le loro funzioni principali e, ovviamente, dove trovarle.

A: OCCHI

E’ una vitamina liposolubile, ovvero assimilabile con i grassi, come olio e burro.

E’ un irrinunciabile supporto per la salute degli occhi e ci aiuta a mantenere allos tato ottimale le funzioni dell’epidermide. Non a caso è abbondantemente presente nei cosmetici, così come la vitamina C e la E: suo compito è infatti esercitare una funzione protettiva su pelle e mucose, intervenendo inoltre nell’accrescimento di ossa e denti.

B: COMPLEX

Non una sola ma più vitamine fondamentali che intervengono nel metabolismo di carboidrati, proteine e grassi.

La B1, o Tiamina, è la così detta “vitamina del buonumore”: influisce ifnatti sulla produzione ormonale, oltre a migliorare il funzionamento di nervi, muscoli, cuore e cervello.

La B2, o Riboflavina, responsabile della formazione di anticorpi e globuli rossi, trasforma il cibo in energia.

La B3 favorisce invece l’eliminazione delle tossine, mentre la B5 è utile per pelle e capelli (è quella che, quando manca, ecco che arrivano le prime rughe) e la B6 che ha un ruolo importante sulla depressione: non a caso fumo e alcol ne aumentano il fabbisogno.

Ricordate però che sitratta di vitamine che possono danneggiarsi se sottoposte a luce e calore. Inoltre si disperdono nell’acqua di cottura.

C: ANTIOSSIDANTE

E’ nota anche come acido ascorbico. Si tratta di una vitamina idrosolubile, complice si svariati benefici: facilita l’assorbimento del ferro, irrobustisce i vasi sanguigni, abbassa il colesterolo, mantiene sani denti e gengive e, inibendo la formazione di radicali liberi, è un potentissimo antiossidante.

E’ inoltre responsabile di un rallentamento dell’invecchiamento poichè aiuta l’assorbimento del collagene e preserva da tutte le patologie tipicamente (e antipaticamente) femminili. Essendo inoltre nota come vitamina antistress, vi consigliamo di ricercarla nei periodi che vi mettono a dura prova. Dove trovarla? Nei vegetali come peperoni, pomodori, agrumi e kiwi.

D: OSSA E DENTI

Quando prendete il sole è lei il primo risultato positivo. E’ una vitamina liposolubile, molto importante per le ossa, i denti, i capelli.

Ottenuta da pesce grasso, fegato, latticini, uova, prolunga la giovinezza, tonifica e rafforza ossa, denti, muscoli e nervi. Ricordate che, soprattutto per i bambini, è un vero e proprio must.

E: SEXUAL

Anche lei è una vitamina liposolubile, nota per le proprietà antiossidanti (protegge la membrana delle cellule), si mette in luce anche come antianemico.

A quanto pare sa porre un freno allo scorrere del tempo: sostiene le performance fisiche ed è un grande nemico della sterilità (la sua carenza è tra i primi sintomi di problemi nella riproduzione sia per lui che per lei). Viene fornita per lo più da semi e oli spremuti a freddo.

I: ANTI-STANCHEZZA

Altra vitamina idrosolubile, si trova nei latticini, nel tuorlo e nei frutti di mare ma può essere sintetizzata anche dai batteri intestinali. Viene utilizzata dall’organismo per accrescere il volume cellulare e contribuisce alla produzione di ATP (il carburante dei muscoli). Indicata per prevenire le alterazioni della pelle, dei nervi e dei muscoli, la sua carenza determina dolori muscolari, stanchezza, desquamazione cutanea.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> MAMMA: le vitamine alleate per lo studio

K: AGILITA’

E’ la così detta “vitamina cerotto”. Dove potete trovarla? In verdure verdi, soia e uova, fegato di maiale e di manzo. Il suo principale compito è occuparsi della coagulazione del sangue, riducendo le emorragie, come ad esempio mestruazioni prolungate e con crampi.

Indispensabile nella prevenzione dell’osteoporosi, viene prodotta anche dall’intestino.

M: GRAVIDANZA

Quale donna in gravidanza non ha preso l’acido folico? E’ il responsabile della formazione dei globuli rossi e la sintesi degli acidi nucleici, oltre a contrastare il colesterolo cattivo.

La si può trovare nel lievito di birra, nei funghi e nelle arachidi. Se manca, si registrano problemi di digestione, sterilità e disturbi cutanei.

N: LA SPORTIVA

Note sono le sue proprietà antiossidativi ma studi recenti ne sottolineano l’utilità come controllo del glucosio e deterrente di patologie tra cui l’ictus e la cataratta.

Dove si trova? In patate, carne rossa e spinaci.

PP: BYE BUE BLUES

La sigla sta per PellagraPreventing, questo perché fu scoperta durante le ricerche sulla pellagra. Partecipa al metabolismo dei carboidrati e alla sintesi dei grassi.

Campanelli di allarme della sua carenza sono la comparsa di dermatiti e, nei casi più gravi, disturbi psichici come stanchezza accentuata, difficoltà di memoria, depressione cronica.

Cereali, carni e lievito di birra ne sono ricchi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Gravidanza: Vitamine in gravidanza, ma fanno bene al nostro bambino?