Home Psiche

Mancanza di sonno tra gli adolescenti: tra le cause ci sono gli smartphone

CONDIVIDI

ragazza con cellulareRispetto ad una decina di anni fa gli adolescenti dormono molto meno. È quanto emerso da un recente studio, svolto su 100mila ragazzi, che ha portato alla luce come il 75% di loro dorma meno di otto ore per una media di sei.
Un problema molto grave se si pensa che durante l’adolescenza i giovani hanno bisogno del riposo notturno per permettere al cervello di codificare le tante informazioni e gli stimoli ricevuti durante il giorno. Un dato di fatto che li pone a rischio di depressione, eccessiva impulsività ed altri problemi di tipo psichico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> I social modificano la psiche?

Gli smartphone tra le cause principali dell’insonnia

Secondo Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di neuro scienze e salute mentale dell’ospedale Fatebenefratelli – Sacco di Milano, una delle cause di questa mancanza di sonno è da riferire alla tecnologia sempre più incalzante e, ovviamente, a gli smartphone. Molti giovani, infatti, pur andando a letto in orari che consentirebbero loro di dormire il giusto quantitativo di ore, finisce con l’attardarsi con il cellulare, chattando, giocando o seguendo i propri idoli sui vari social.
Non a caso, negli ultimi anni, sempre tra i giovani è stato rivelato un aumento di depressioni e disturbi di tipo comportamentale ed emotivo. A detta di Mencacci, molti genitori temono che i figli possano fare abuso di determinate sostanze senza considerare che anche la dipendenza da social o da videogiochi può portare ad effetti devastanti per la persona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Psiche: La tecnologia, internet e le nuove dipendenze

Per questo motivo la cosa giusta da fare sarebbe quella di cercare di dedicare più tempo ai propri figli, sforzandosi di impartire delle regole più ferree per quanto riguarda cellulari e tecnologia. Un impegno sicuramente non facile, motivo per cui andrebbe intrapreso quando i figli sono ancora piccoli e più facili da gestire. Dopo i 12 anni infatti, inizia l’interesse verso il sociale, motivo per cui molti ragazzini iniziano ad approcciarsi ai vari social. Una tendenza che se, modulata per tempo, può limitarsi a qualche ora al giorno, senza andare ad intaccare le importanti ore notturne.