Home Attualità

Emelle Lewis: guarita dall’anoressia grazie ad Instagram

CONDIVIDI

emelle lewis

A volte i social possono essere anche il mezzo di una rinascita. Ne è la prova Emelle Lewis, una ventenne inglese che, grazie ad Instagram, è riuscita a muovere i primi passi verso la guarigione da uno dei mali silenziosi e più difficili da comprendere: l’anoressia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Psiche: Anoressia nervosa cosa è e perchè nasce

Una guarigione nata dalla condivisione sui social

Emelle è una ragazza come ce ne sono tante, anche in Italia. A 15 anni ha iniziato a confrontarsi con le altre, a non piacersi e a sentirsi grassa e brutta. Da lì all’anoressia il passo è stato breve. Prima ha iniziato con lo sport e con la dieta, poi ha proseguito mangiando sempre meno. Il suo corpo ha iniziato a perdere le forme, dimagrendo ed arrivando ad un risultato sicuramente diverso da quello che si era prefissata all’inizio. Ormai, però, era troppo tardi, l’anoressia l’aveva in pugno e l’unico pensiero non era più quello di essere bella ma quello di dimagrire, di mangiare sempre meno, di non sedersi per tutto il giorno al fine di bruciare qualche caloria in più.
È così che Emelle è arrivata a pesare 31 kg, con un corpo scheletrico ed una vita sempre più a rischio, tanto da essere ricoverata per ben sette volte senza risultati.
Poi, finalmente, la svolta. Come lei stessa ha raccontato al Daily Mail, un giorno, dopo aver realizzato che avrebbe potuto morire da un momento all’altro, qualcosa nella sua mente è scattata.
Un click dovuto grazie ad Instagram ed alle storie di altre ragazze che, pur vivendo la sua stessa situazione, avevano scelto di ribellarsi e di lottare, tornando in possesso della loro vita.
Un monito che Emelle ha seguito senza più voltarsi indietro, chiedendo aiuto alla madre e facendosi ricoverare, questa volta con la ferma intenzione di uscirne. All’inizio non è stato facile, ma pian piano, imparando a non ascoltare la mente, è riuscita a guarire, a tornare padrona di se stessa e a riconquistare la sua parte nel mondo.
Oggi Emelle si piace e si vuole bene e, proprio pensando al suo percorso, ha deciso di condividere a sua volta la storia della propria guarigione. Così, sempre su Instagram, ha deciso di postare le proprie foto corredate di un messaggio dedicato a tutte le ragazze che in questo momento stanno vivendo lo stesso incubo dal quale lei è fortunatamente uscita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Psiche: la bulimia nervosa e l’eccessiva preoccupazione per il peso

Quando nessun altro ha creduto in me, ho creduto in me stessa. Ho preso la decisione di riprendermi e l’unico modo che ho imparato è stato affrontando il tutto da sola. Ogni volta che cadevo mi alzavo un po’ più forte, perché ero determinato a non essere battuta. La cosa più difficile della mia guarigione era credere che ne valesse la pena, ma oggi posso dire con orgoglio che ne valgo la pena e niente mi fermerà ora. Quindi non importa quanto sia dura la strada, continua, continua a credere te stesso e ricorda… ne vale la pena!