Home Attualità

10 cose che il 99% delle persone non possono fare

CONDIVIDI
iStock Photo

L’elasticità fisica è diversa da persona a persona e, tra i più snodati e i più rigidi, vi è un’intera schiera di livelli intermedi più o meno “versatil”. Una cosa però appare certa: mentre molti si collocano in queste vie di mezzo pochissimi raggiungono le vette della vera elasticità.

Ci sono ad esempio una serie di movimenti che solo 1 persona su cento è in grado di compiere. Fate parte di questa ristretta minoranza? Scopritelo consultando la top 10 dei movimenti meno fattibili del Pianeta. Ricordate però: riuscire in simili movenze non è questione di esercizio ma di pura fortuna. O Madre Natura vi ha favorito o… rinunciate!

1 – Il cane a testa in giù

Un movimento tipico dello yoga e che richiede grande equilibrio. Eseguendolo i più si piegano sul fianco

2 – Anulare paralizzato

La cartilagine dell’anulare è legata a quello del medio: se quest’ultimo è piegato l’altro non potrà quindi muoversi

3 – Parlare inspirando

Pronunciare qualsiasi parola mentre si inspira dla naso è per i più impossibile a causa del flusso di aria che, entrando dal naso, mal si coniuga con il movimento delle corde vocali.

4 – Alzare il sopracciglio

Parte estremamente espressiva del  volto ma che viaggia sempre in contemporanea. Per alzare un solo sopracciglio occorre un lungo allenamento dei muscoli facciali

5 – Il trucco della sedia

E’ un limite solo maschile, legatoalcentro di gravità particolarmente alto del genere maschile

6 – Essere multitasking

Fare più di due cose nello stesso tempo è un limite per molti, legato ailimiti del cervello stesso

7 – La tua mano nella bocca

Provare è anche pericoloso poichè la mano potrebbe anche entrare ma diffiicilmente riuscirà

8 – Leccare il gomito

Serve grande mobilità della spalla e c’è chi, provando, si è slogato la spalla

9 – Trattenere il fiato

Tutti possiamo farlo ma pochissimi raggiungono tempi veramente lunghi

10 – Mobilità articolare

Sono pochissimi coloro che riescono a muovere a pieno le proprie articolazioni, per così dire, a 360 gradi.