Home Attualità

Atterraggio d’emergenza: colpa dell’assurdo nome di una rete wi-fi

CONDIVIDI
iStock Photo

“Bomb on board”, “bomba a bordo”. E’ il “simpatico” nome scelto da un non meglio identificato passeggero di un volo Turkish Airlines per la sua rete wi-fi, divenuta così l’insospettabile causa di un atterraggio d’emergenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Duecento passeggeri ostaggio in aereo: colpa dei capricci di una bambina

In questo XXI secolo perennemente oppresso dalla paura legata alla lunga e imprevedibile mano del terrorismo, anche lo scherzo più stupido e sbadato può esser preso sul serio e trasformarsi nella causa di una vera e propria manovra d’emergenza.

E’ quanto successo a bordo del suddetto aereo in volo da Nairobi a Istanbul, i cui piloti hanno deciso di optare per un atterraggio d’emergenza quando a bordo è stata individuata una rete wi-fi dal nome decisamente inquietante: “bomba a bordo”.

Come riportato dal sito news.com, l’aereo stato attentamente scandagliato senza però rinvenire alcunchè, se non la prova che la rete wi-fi era stata creata proprio a bordo del velivolo.

Una goliardata presa dunque troppo sul serio, a quanto pare, anche se di questi tempi la prudenza nn è certo mai troppa.

Dopo i dovuti controlli l’aereo è ripartito alla volta della Turchia.