Home Pelle

5 errori che tutte facciamo quando ci laviamo il viso

CONDIVIDI

Non c’e trucco o trattamento di bellezza che tenga se si lavora su una pelle sporca, maltrattata e che non è stata gestita come meriterebbe. La detersione è dunque il primissimo e indispensabile spet per garantirsi un viso da 10 e lode. Eseguirla al meglio è questione di scelta mirata dei prodotti, costanza e, ovviamente, di tecnica.

Già perché anche lavando il viso rischiamo di incorrere in rovinosi scivoloni, legati spesso a una semplice scarsa consapevolezza. CheDonna.it oggi vi aiuta a comprendere al meglio i segreti di una detersione corretta del vostro viso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pelle: i trattamenti per averla bellissima dopo i 30 anni

Lavare il viso: 5 errori comuni ma da evitar

Ricordiamo innanzi tutto che il viso va rigorosamente lavato mattina e sera: appena svegli elimineremo così le scorie che la pelle ha smaltito durante la notte e a fine giornata laveremo via sporco, trucco, smog e chi più ne ha più ne metta.

Che cosa non fare però durante la detersione del nostro volto? Ecco i 5 errori che commettiamo incosapevolmente ma che dobbiamo imparare a evitare.

1 – Temperatura dell’acqua

La tentazione di coccolarsi con un’acqua bella fumante è spesso irresistibile, soprattutto quando fuori il freddo ci attanaglia non appena usciamo dal confortevole lettuccio. Sappiate però che un’acqua eccessivamente bollente rischia di alterare gli oli della nostra pelle, seccandola e spingendola così a produrre un quantitativo maggiore di sebo. Manteniamoci dunque su temperature più tiepide.

2 – Ti sei lavata le mani?

Dalle mani al viso, un viaggio che i batteri compiono ahimè troppo spesso. Non ci viene infatti in mente spontaneamente, ma lavare il viso con le mani ancora sporche non fa che danneggiare la nostra pelle.

3 – Zone dimenticate

La vera maestria nel lavarsi il viso consiste nella meticolosità: non bisogna dimenticare nemmeno un centimetro del volto, inclusa l’attaccatura dei capelli, il collo e le zone più nascste come i bordi del naso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Il Pantenolo, elisir di bellezza e benessere per la pelle

 4 – Asciugamano

A chi non viene spontaneo fare una vigorosa passata di asviugamano per eliminare i residui di acqua dopo la pulizia? Strofinare però può causare arrossamenti e irritazionis paicevoli. Meglio dunque limitarsi a tamponare con delicatezza.

5 – Crema in 60 secondi

Per far sì che la pelle benefici a pieno dell’idratazione dell’acqua con cui l’abiamo lavata dobbiamo applicare la crema entro un minuto dalla fine della detersione, tempo dopo il quale l’acqua residua inizierà a evaporare via. La crema impedirà invece all’acqua di volatilizzarsi e aggiungerà ulteriori benefici idratanti.