Home Attualità

Zineta, l’artista che ha trasformato mestruazioni e smagliature in opere da esposizione

CONDIVIDI

Accettarci così come siamo. Una tra le missioni più difficili che noi donne dobbiamo affrontare, giorno dopo giorno, in questo XXI secolo, ma anche una sorta di obbligo morale nei confronti di noi stesse. Quanto più il mondo che ci circonda ci propone modelli di perfezione e di seduzione a oltranza, tanto più noi dobbiamo fare i conti con qualche chilo di troppo, la buccia d’arancia che sembra non volerci mollare e un aspetto non propriamente da coniglietta di Play Boy alle dieci di sera. Essere soddisfatte di noi stesse giorno dopo giorno non è dunque una missione semplice di questi tempi e per perseguirla ci vuole tutto l’aiuto che questo mondo ha da offrirci. L’esempio delle più generose star del cinema, qualche gesto umile del mondo della moda e persino il supporto dell’arte.

Già l’arte, proprio la forma d’espressione per eccellenza di ciò che giace nel profondo del nostro animo può fornirci una spinta in più non solo per scendere a parte con ogni aspetto della nostra persona ma anche per valorizzarlo al meglio. Come? Ce lo spiega Zinteta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Stretch marks tatto: il tatuaggio per coprire le smagliature

VIDEO NEWSLETTER

Ciclo mesturale e smagliature diventano opere d’arte

Zinteta, vero nome Cinta Tort Cartrò, è un’artista ventunenne spagnola. Da Barcellona diffonde in tutto ilmondo la sua idea di libertà, di gioia e di totale accettazione del copro femminile, anche nei suoi aspetti apparentemente più difficili.

Sul suo profilo Instagram l’artista unisce quadri, fotografie e composizioni che raccontano il lato più intimo di una donna, la sua sessualità, il suo corpo e le sue piccole imperfezioni.

Ecco allora che i seni femminili si coprono di fiori, le smagliature si tingono delle mille sfumature di un arcobaleno e persino il ciclo mestruale si trasforma in un’onda di colori.

Le smagliature sono parte della nostra essenza, della nostra vita, del nostro vissuto. Accettare tutto questo significa accettare le proprie radici, il nostro essere

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Ciclo mestruale: le cose da non dire alle donne

Ecco dunque un’artista che non ha paura di spingersi nella vera intimità di una donna e dir accontarla con la gioia di mille colori, toccandone realmente ogni sfumatura.