Home Tatuaggi

Tatuaggi vaginali: una moda tornata in auge

CONDIVIDI
Foto da Twitter

50% soggetto 50% posizione. Nella resa finale di un tatuaggio il luogo in cui lo si colloca assume senza dubbio un’importanza particolare. Da sempre le tendenze della moda ci hanno proposto collocazioni più o meno glamour e più o meno originali, come vi abbiamo spiegato in L’armpit tattoo, il tatuaggio sotto l’ascella: quando il vedo-non vedo la fa da padrone

. Alcune collozazioni hanno mantenuto la loro popolarità, altre sono cadute in disuso e altre ancora hanno avuto sorti altalenanti.

Di quest’ultimo gruppo fanno parte i tatuaggi forse più particolari del panorama femminile, i tatuaggi vaginali. Già, avete capito bene: si tratta di tatuaggi nati per abbellire l’area più femminile del nostro corpo. Oggi vi invitiamo a scoprirli meglio insieme a noi di CheDonna.it!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Tatuaggi 2017: le tendenze che più ci ispireranno durante l’anno

Tatuaggio vaginale: realizzazione, cura e dettagli

Più che vaginali sarebbe corretto in effetti chiamarli tatuaggi pubici. L’area in cui si collocano non ha nulla a che fare infatti con grandi labbra e simili (dove, dolore a parte, si farebbe fatica a realizzare un buon tatuaggio calcolando i velocissimi tempi di rigenerazione della pelle in quest’area). Questi tattoo vengono realizzati in zone come il monte di venere, sull’inguine o l’interno coscia.

Naturalmente si tratta di un tatuaggio dalla forte impronta seducente, perfetto per chi vuole qualcosa di davvero particolare e nascosto ma anche per chi, gudiato da una cieca passione per i tattoo, desidera un disegno per ogni parte del corpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Pelle: perché il tatuaggio si gonfia

Prima di procedere alla realizzazione di un tatuaggio vaginale, inutile dirlo, sarà opportuno effettuare un’accurata depilazione, preferibilmente con strumenti che non irritino eccessivamente la pelle (evitiamo dunque il classico rasoio e optiamo per uan ceretta eseguitaun paio di giorni prima del tatuaggio).

La fase post realizzazione invece non è molto diversa da quella di un qualunque tattoo: tanta crema, arieggiare il più possibile (capiamo non sia così semplice!) e indossare esclusivamente biancheria di cotone bianco: nons arà sexy ma scongiurerà il pericolo infezioni!

Ma quale sogetto scegliere perun tatuaggio vaginale? Non c’è che l’imbarazzo della scelta: fiori e tribali sono i più comuni ma il vostro gusto personale non verrà certo limitato dall’area scelta.

Che dite allora, ci proviamo?