Home Attualità

Dodici personaggi Disney raccontanto gli orrori del XXI secolo in dodici disegni

CONDIVIDI
instagram.com/tomwardstudio/

Selfie, mutazioni genetiche ma anche unioni civili, diete e chi più ne ha più ne metta. Il XXI secolo può esser descritto attraverso tanti dettagli, più o meno macroscopici, che spesso facciamo fatica a mettere a fuoco proprio perché eccessivamente coinvolti. Quello che ci servirebbe per comprendere meglio la realtà in cui vivamo sarebbe riuscire a vederla da fuori, ma come fare? I nuovissimi disegni pubblicati dal’illustratore inglese Tom Ward sul suo profilo Instagram potrebbero essere l’aiuto di cui abbiamo tanto bisogno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Le Principesse Disney mamme, in una dolcissima foto gallery

I personaggi Disney nel 2017: le prime vittime dei mali del secolo

Dodici immagini per scoprire che Alice è oramai perennemente a dieta, Jasmine si è ridotta a donna delle pulizie per un Aladdin alle prese con la Play Station, il Principe Azzurro è smartphone dipendente, Ariel si ritrova vittima di un mare troppo inquinato, Pinocchio ha una insana passione per i selfie, Baloo e ridotto in catene e il Re Leone a attrazione circense, per non parlare poi di Peter Pan alle prese con finestre chiuse e allarmate.

Per l’illustratore inglese i personaggi delle fiabe Disney sono divenuti le perfette incarnazioni di stranezze e mali che caratterizzano il secolo in cui vivamo, testimoni impareggiabili che, proprio perché legati nel nostro immaginario alla purezza dell’infanzia, consentono di dar vita a un forte impatto sulla nostra coscienza. Vedere Ariel con ben due pinne fa riflettere, non vi pare?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> E se le principesse Disney cambiassero etnia?

Probabilmente non sarà vedere Gaston e Letont felici con la bandiera arcobaleno dei diritti Lgbt a renderci più tolleranti e aperti verso unioni civili e affini ma, senza dubbio, l’immagine ci darà modo per riflettere un po’ di più e, in questo buffo XXI secolo, ci sembra già abbastanza.

Grazie dunque a Tom Word e alla nostra amata Disney!