Home Coppia Coppia: la passione amorosa dipende da una parte del cervello

Coppia: la passione amorosa dipende da una parte del cervello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00
CONDIVIDI

Per molti, l’amore è un fatto di alchimia, di cuore e di sentimenti, ma per le donne e gli uomini di scienza le cose non stanno proprio così, e alcune ricerche lo hanno dimostrato.

L’amore e la passione amorosa, dipende da una parte del cervello. Il risultato di uno studio eseguito su una tipologia di roditori, le arvicole,  che instaurano nella loro vita un rapporto di coppia, ha permesso di svelare il circuito celebrale che sarebbe associato alla condizione di innamoramento.

L’amore è frutto di un circuito celebrale, una ricerca scientifica l’ha dimostrato

Gli studiosi, hanno scoperto attraverso l’osservazione di una coppia di arvicole, una specie di roditori che hanno relazioni monogame durante la loro vita, che l’innamoramento viaggia su un circuito celebrale e intervenendo su questo particolare circuito, sono riusciti a far ‘innamorare’ due soggetti sconosciuti.

Lo studio scientifico è stato condotto dai ricercatori della Emory University di Atlanta.

Essi hanno monitorato le attività celebrali delle femmine, mentre si innamoravano del partner e hanno osservato che mentre la relazione si faceva più stretta, i recettori del piacere e della ricompensa nel cervello, restavano sempre attivi.

Gli scienziati, hanno individuato due aree in particolare del cervello che sembrano essere coinvolte nelle prime fasi dell’approccio tra due individui di sesso opposto, la corteccia prefrontale mediale che influenza la parte decisionale e il nucleus accumbens, che influenza la parte del piacere e della ricompensa.

Nella fase del primo accoppiamento, i ricercatori hanno notato qualcosa di molto particolare, l’attività celebrale osservata è cambiata, come si fosse acceso un ‘interruttore’ della passione amorosa.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Relazioni di coppia: Cercasi anima gemella, come si fa ad incontrarla?

Per provare ciò, gli scienziati, hanno provato a riattivare lo stesso circuito e la stessa area celebrale nelle femmine, e infatti queste si sono comportante come fossero compagne di vita, mentre i maschi, non stimolati, le trattavano come vere e proprie sconosciute.

Lo studio pubblicato su Nature, lascia però scoperta tutta la fase dell’innamoramento che coinvolge l’energia fra due persone, il cuore e i sentimenti, aspetti che di certo rendono vivo e spontaneo un amore.

La scienza non può avere tutte le risposte, almeno così ci piace pensare. L’amore va oltre il tempo e lo spazio ed è il motore che manda avanti il mondo e che in un rapporto di coppia, detta ogni giorno le condizioni per andare avanti nonostante tutto, a dispetto di qualsiasi circuito celebrale.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Coppia: tutti i numeri legati al divorzio, come spendere meno e sopravvivere alla separazione 

GUARDA GRANDE FRATELLO VIP, CHI SARANNO I CONCORRENTI? -IL VIDEO-