Post Partum: La sudamina nel neonato cosa è e come curarla

0
4
(istock)

La pelle del nostro bambino è molto delicata e sensibile e per questo è molto facile che i primi caldi possano irritarla, è infatti molto frequente che possano comparire  delle piccole bollicine rosse soprattutto sul tronco e sulle pieghe cutaneee, è la sudamina.

La sudamina nel neonato cause e rimedi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Post Partum: I consigli per far vivere al meglio l’estate ai neonati

Il caldo è arrivato e magari abbiamo notato che sulla pelle del nostro bambino sono comparse delle piccole vesciche con delle bollicine trasparenti, non allarmiamoci rappresentano solo il segno che il piccolo sta sudando e la sua pelle non riesce ad espellere il calore che ha accumulato.

Questa reazione prende il nome di sudamina ed indica appunto l’incapacità della pelle di non riuscire ad espellere il calore accumulato e di conseguenza non riesce  a traspirare correttamente. La pelle quindi diventa rossa e ruvida come una grattugia. Questa incapacità di traspirazione determina un’irritazione della pelle che per questo si arrossa dando al bambino una spiacevole sensazione di prurito.

Le cause della sudamina sono generalmente legate all’innalzamento della temperatura esterna determinato appunto o dal caldo o dal vestiario troppo pesante anche se a volte la si può associare allo stafilococco epidermis, frequente nei bambini con la pelle chiara.

Generalmente la sudamina scompare in pochi giorni e senza il bisogno di ricorrere a trattamenti medici specifici, per questo è molto importante favorire il raffreddamento del corpo utilizzando abiti leggeri che favoriscano al traspirazione. Molto importante soprattutto se il bambino è molto piccolo, è raffreddare e asciugare le parti del corpo che sono soggette all’irritazione cercando di evitare le situazioni che potrebbero favorire la sudorazione.

E’ molto utile, per aiutare il piccolo a trovare sollievo, effettuare giornalmente dei bagnetti basta solo immergerlo all’interno di acqua tiedipa in cui è stato sciolto del bicarbonato o dell’amido di riso o di mais, ideali per trattare la pelle irritata e arrossata. E’ bene anche tagliere le unghie al piccolo così da evitare che si graffi a causa del prurito,

Nel caso in cui il prurito e l’eruzione siano eccessivi è meglio consultare il pediatra che in caso di necessità può prescrivere un antistaminico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Post Partum: Disidratazione del neonato, i consigli per evitarla