Care mamme vi sveliamo tutti i pro e i contro del parto in acqua

0
3

Care mamme pronte per mettere al mondo il vostro cucciolo?

E’ arrivato il momento del parto e la paura è tanta, ogni persona dice la sua e da consigli, alcuni saggi altri meno resta il fatto che ogni persona ha vissuto la nascita del proprio figlio in modo diverso così come chi sta per vivere questa esperienza.

Tra le varie decisioni che dovete prendere c’è quella relativa la parto in acqua.

Infatti negli ultimi anni diverse strutture ospedaliere hanno una sala attrezzata per permettere questa esperienza a chi vuole.

In cosa consiste il parto in acqua

Semplicemente stiamo parlando di una vasca in plastica o vetroresina abbastanza grande, riempita con acqua a 35°/37§° circa, dove la gestante affronterà parte del travaglio e il parto stesso.

Come in tutte le cose ci sono i  pro e i contro anche per questa esperienza.

I pro:

  • rende il parto meno dolorose grazie al calore dell’acqua che aiuta il nostro organismo a sprigionare endorfine, allo stesso tempo il tepore dell’acqua ha un effetto rilassante
  • l’assenza di forza di gravità fa muovere con più agilità la mamma che quindi con tutto il pancione riesce ad assumere le posizioni più comode per assecondare le contrazioni
  • in acqua diminuisce la pressione addominale così da favorire le contrazioni uterine, migliorare l’ ossigenazione dei tessuti e la circolazione, facilitando il passaggio del bambino lungo il canale del parto
  • il parto in acqua oltre ad essere di aiuto alla mamma, permette anche al neonato un passaggio più graduale dall’ambiente intrauterino ricco di liquido amniotico, all’ambiente esterno

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:https://www.chedonna.it/2017/06/20/gravidanza-respirare-parto/

I contro:

  • se volete fare l’epidurale perché non volte assolutamente sentire dolore allora non potete partorire in acqua in quanto il catetere dell’anestesia non può essere immerso in acqua, quindi o vi affidate completamente al fattore analgesico dell’acqua oppure rinunciate a questo tipo di parto
  • ci sono poi degli impedimenti scontati quali: gestosi o ipertensione arteriosa, patologie serie della gestante o anche se il parto è prematuro, il bambino si presenta podalico se è un parto gemellare, oppure se ci sono segni di sofferenza fetale.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:https://www.chedonna.it/2017/04/14/la-palla-attrezzo-fondamentale-prepararsi-al-parto/

Quindi fate tutte le effettive valutazioni e poi decidete!