Sunscreen contoruing: la moda di scolpire i lineamenti con l’aiuto delle creme solari

iStock photo
iStock photo

Da quando una certa Kim Kardashian è entrata nelle nostre vite le tendenze beauty da lei lanciate sembrano essersi moltiplicate a vista d’occhio. Tra qeste senza dubbio c’è l’oramai amatissimo contouring, una tecnica di make up esistende dalla notte dei tempi ma che sembra esser finita sotto i riflettori solo da quando lei l’ha resa popolare.Le donne di tutto il mondo sembravano infatti rapite da un’unica domanda: qual è il segreto del make up super definito di Kim? Presto detto: il contouring1 Ecco allora che la tecnica ha iniziato a spopolare e con essa i cosmetici per realizzarla: in polvere, in grema, in gel e ci più ne ha più ne metta.

Era abbastanza? Evidentemente ancora no, dato che a seguire sono emerse altre svariate tecniche, derivate dal contouring e come lui dedicate a scolpire i lneamenti di noi donne. Baking, strobing, hoghlighting, nose contouring e adesso lui, il sunscreen contouring. Già perché con la bella stagione anche il caro vecchio contouring si evolve iniziando a sfruttare i raggi del sole.

Curiose di scoprire meglio questa nuova tecnica? Continuate a leggere su CheDonna.it.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Non-Touring makeup, l’altra frontiera del contouring e dello strobing

Sunscreen contoruing: tutti i dettagli sulla nuova moda make up

La musa questa volta pare non essere la cara Kim Kardashian bensì Beyoncé, bellezza non certo nuova al ruolo di ispiratrice in fatto di estetica.

Il suo make up artist, Sir John Barnett, ha creato e poi reso celebre la tecnica che sfrutta diverse protezioni solari per creare ombre e punti luce sul volto di noi donne. Utilizzando spf di divdiversa gradazione alcune parti del volto andranno ad abbronzarsi più di altre, creando così dei naturali punti chiari e scuri.

In particolare Sir John  applica su tutto il viso una protezione 15 o 20, così da garantire una base di “tutela della pelle” un po’ ovunque e, in quelle aree dove normalmente applicheremmo l’illuminante, abbonda con spf 50 o 80 waterproof.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>5 cose da sapere per snellire il viso senza contouring

A detta del suo ideatore, questa tecnica garantirebbe a fine giornata un incarnato luminoso come sogniamo ma voi ne siete così convinte? Ci sembra difficile che il risultato possa esser uniforme e impeccabile come quello di un classico contouring, senza contare poi i rischi per a pelle. Perché infatti le gote dovrebbero necessitare di minor protezione rispetto al naso? Ammettiamolo: questa nuova moda ci convince un po’ poco. Sarà meglio tornare ai tempi di Kim.