Essere Genitori: Come contrastare la carie fin da piccoli

0
17
(istock)

La carie nei denti da latte è un fenomeno in costante aumento e questo a causa delle cattive abitudini alimentari, dagli errori igienici e dai pochi controlli.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:In aumento il rischio di disturbi alimentari nei bambini

Come contrastare la carie nei bambini piccoli

La carie è una malattia infettiva provocata da batteri  che provocano il deterioramento dei tessuti duri del dente ossia lo smalto e la dentina. Ad un primo sguardo si nota una cavità sulla superficie del dente dal colorito bluastro e alquanto morbido. Nel bambino la carie è soprattutto legata a scorrette abitudini alimentari, alla scarsa igiene orale e anche agli scarsi controlli dal dentista, tutti questi fattori hanno contribuito all’aumento di quasi il 15% della comparsa della carie nei bambini negli ultimi 5 anni.

Oltre alla carie nei bambini sono stati riscontrati altri disturbi di uguale o maggiore entità tra questi c’è la demineralizzazione che può compromettere anche la dentatura permanente, infatti circa un bambino su 5 prima della fine della scuola primaria può  sviluppare delle lesioni permanenti alla dentizione.

Questi disturbi molto spesso vengono persi sotto gamba quando in realtà bisognerebbe intervenire tempestivamente per evitare che si trasformino in problematiche più serie. Questo scarso controllo è legato al fatto che molti genitori pensano che i disturbi presentati dai denti da latte si risolvano da soli nel momento in cui spuntano quelli permanenti, in realtà non è affatto così. Ecco perchè è molto importante abituare il proprio bambino all’igiene orale soprattutto dopo i pasti principali e prestare più attenzione al lavaggio dopo la cena, perchè durante la notte i batteri possono attaccare i denti con maggiore facilità. Altre cattive abitudini che dovremmo cercare di eliminare sono il biberon prima di addormentarsi o il ciuccio immerso nel miele.

Per una buona prevenzione è bene effettuare la prima visita dal dentista intorno ai 2-3 anni e ripeterla almeno ogni 6 mesi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Dislessia nei bambini? ecco come affrontarla