Arriva il gatto in casa e inizi a starnutire…SOS allergia cosa fare?

I vostri bambini vi chiedono da tempo di prendere un gatto in casa e dopo una serie di riflessioni su tutti i pro e i contro acconsentite.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Strategie per combattere gli acari e l’allergia alla polvere

Però tra i vari contro se non avete mai vissuto con un gatto non potete sapere se siete allergiche a questo amico peloso, e così non appena entra in casa iniziate ad avere una serie di sintomi tipici di una reazione allergica.

Starnuti, pruriti al naso, occhi rossi e nei casi più seri tosse, attacchi d’asma e orticaria!

Chiamasi reazione allergica!

Generalmente viene incolpato il pelo del gatto, in realtà la causa è un allergene Fel d1, che altro non è che una proteina presente nella saliva del felino e nelle sue ghiandole sebacee.

Così quando il gatto si lecca questo allergene rimane sul suo pelo ed è lui a scaturire la reazione allergica.

Ma il gatto lo volete proprio tenere…Cosa potete fare?

Dovete come prima cosa avere delle accortezze tipo:

  • se il gatto vive sempre in casa evitate di farlo stare sul letto o sul divano dove voi sedete
  • lavarvi le mani ogni volta lo toccate
  • lavare spesso con prodotti delicati il micetto
  • spazzolarlo spesso
  • utilizzare un aspirapolvere con filtro HEPA
  • scegliere se potete una gattina, che produce meno allergeni
  • se avete già il gatto ed è maschio, fatelo castrare questo limiterà la produzione dell’allergene

In ultimo ma non meno efficace anzi esiste una terapia farmacologica basata sul principio dell’immunoterapia…”vaccino”.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Vaccino si o no?

Se sapete di essere allergici ai gatti per evitare che la vostra allergia peggiori potreste effettuare un vaccino, vi verrà somministrato sotto forma di gocce o punture, l’allergene in dosi crescenti fino ad arrivare alla dose di mantenimento.

Arrivati a questa dose il vaccino dovrà essere fatto per altri 3/5 anni, in questo modo il nostro organismo si abituerà a convivere con l’allergene nemico e a tollerarlo fino a che non avremo più sintomi.

Tutto ovviamente sotto la supervisione di un medico!