Home Attualità

Una vita con 500 calorie al giorno: la verità di Liza Golden-Bhojwani, modella di origini indiane che ha cambiato vita

CONDIVIDI

Le donne medie vivono seguendo uno stereotipo, un’immaginario di bellezza imposto dal luogo comune che spesso risulta irraggiungibile. Moltiplicate tutto ciò per cento e intuirete appena come possa essere la vita di una modella. Se per noi donne “comuni” quell’ideale di fascino è solo un obbiettivo a cui andrà bene anche semplicemente avvicinarsi, per chi fa del suo corpo il suo lavoro l’obbiettivo è la priorità, da centrare a tutti i costi pena la “defenestrazione”. Una buona dose di pressione, non vi pare?

L’immagine che esce da una simile descrizione è il ritratto di una vita di privazioni, sacrifici e ideali “d’eccellenza” da raggiungere per poi non scenderne mai più al di sotto. In molte riescono a scendere a patti con un simile stile di vita ma c’è anche chi, rgiunto il limite massimo, decide di dire basta. E’ il caso di Liza Golden-Bhojwani, modella di origini indiane che via Instagram ha voluto raccontare come è cambiata la sua vita quando ha deciso di smettere dicondurla con 500 calorie al giorno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Yazemeenah Rossi, modella 60 enne, rompe gli schemi posando in costume da bagno

La verità di una modella pentita

Due foto a confronto e un post lungo tanto da non entrare nel numero di caratteri messo a disposizione da Instagram come didascalia di una foto: per completare la sua sotria Liza Golden-Bhojwani ha dovuto utilizzare ben due commenti extra, ben spesi però per raccontare la sua esperienza di vita e regalarla a qlche dona che, chissà dove nel mondo, lotta quotidianamente contro il suo stesso corpo.

La storia di Liza inizia da adolescente, quando, entrata nel mondo della moda e da subito deve rapportarsi a una serie di rigide regole che si impadroniranno del suo corpo.

E’ così che questa bellissima ragazza arriva a coronare il suo sogno: sfilare durante una fashion week, camminando in passerella al fianco di donne che un tempo erano state per lei dei veri e propri idoli. Peccato però che il suo corpo non sia altrettanto entusiasta.

In quel periodo Liza era arrivata ad assumere appena 500 calorie al giorno, il prezzo da pagare per rispondere agli standard del dorato mondo di cui era entrata a far parte. Proprio mentre si preparava per una delle sue magrissime cene però ecco arrivare il malore che ha cambiato ogni cosa. Liza sviene e da allora inizia a pensare che sarebbe stato meglio prendere in mano la situazione di persona.

Inizia così a concedersi qualche sfizio in più ma lo sfizio diventa sempre più grande, sempre più costante e, città dopo città, vede il suo peso lievitare. I lavori iniziano a sfumare e la modella un tempo vista come astro nascente appare come la ragazza che non riesce a stare alle regole.

Per due anni Liza si lascia andar,e shciacciata dall’inevitabile senso di fallimento, ma nel 2014 si rimette a regime: una dieta più sana e costanti allenamenti le fanno perderei chili di troppo ma quell’alimentazione equilibrata non è sufficiente per gli standard delle griffe più prestigiose. Lo sconforto a questo punto è totale e i dubbi sulla propria adeguatezza angosciano la ragazza che così torna in India in cerca di conforto e chiarezza. Qui la svolta: l’incontro con l’uomo della sua vita , quello capce di farle provare la vera felicità.

La strada improvvisamente diventa in discesa. Liza smette di combattere contro il suo corpo, trova la forma fisica che realmente le appartiene, si allena ma mangia ciò che vuole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Jazzma Kendrick, la modella con il corpo da capogiro che ha conquistato un super-scapolo italiano

 Forse questa ragazza non era nata per essere una modella da copertina ma senza dubbio era nata per essere felice. Uno scopo che non dovrebbe forse esistere per tutti? Così Liza conclude su Instagram il suo racconto:

Forse non ero nata per essere sulle copertine delle riviste o per fare servizi fotgrafici per i brand più grandi e blasonati, mas sono nata per un motivo. Merito di essere felice e di sentirmi soddisfatta. Tutti lo meritiamo. Forse sono nata per condividere questa storia e diffondere il messaggio dell’amore per il corpo per tutte le donne che combattono là fuori. Solo Dio lo sa.