Home Maternità Post partum: le poppate del neonato, consigli utili e vantaggi

Post partum: le poppate del neonato, consigli utili e vantaggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:11
CONDIVIDI
(Istock)

L’allattamento al seno rappresenta uno dei momenti più importanti nella vita del neonato non solo perchè durante le poppate si intensifica maggiormente il legame che unisce la mamma e il bambino ma soprattutto perchè il latte materno è il migliore nutrimento.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Le colazioni ideali per il nostro bambino

Poppate: consigli utili e vantaggi

Il latte materno come ben sappiamo è un alimento fondamentale per la crescita del bambino perchè è ricco di sostanze nutritive quali zuccheri, proteine, vitamine e sali minerali fondamentali per la sua crescita, inoltre la forte presenza di anticorpi permette al bambino di rafforzare il suo sistema immunitario e riducendo il rischio di allergie. L’allattamento al seno presenta quindi enormi benefici sia al neonato che alla mamma ( allattare al seno permette di dimagrire più velocemente dopo il parto, riduce il rischio di tumori al seno e riduce il rischio di depressione post partum).

Nonostante questi aspetti positivi però molte mamme si interrogano su  quanto e come allattare. Esistono infatti due diverse modalità di allattamento quello su richiesta e quello a orari fissi.

L’allattamento su richiesta permette al bambino di alimentarsi in modo adeguato in base alle sue necessità e al suo fabbisogno, seguendo questo tipo di allattamento però si corre il rischio di rendere la diade troppo dipendente l’uno dall’altra. Nell’allattamento a orari fissi invece si può separare le poppate all’interno della giornata seguendo degli orari fissi, questa modalità permette alla mamma di organizzare con più libertà  la propria giornata.

Entrambi i metodi di allattamento sono validi, non ne esiste uno migliore dell’altro, sta solo alla mamma stabilire quale scegliere tenendo conto delle sue necessità e delle caratteristiche del proprio bambino. La stessa poppata non ha una durata fissa ma può variare da alcuni minuti a mezz’ora, in generale dovrebbe durare dai 20 ai 30 minuti compreso l’alternanza dei seni. Non è importante la metodologia che sis ceglie per allattare l’importante è farlo controllando che il bambino cresca in modo sano e regolare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Allattamento e ingorgo mammario come risolverlo

 

&nbs

p;