Home Attualità

L’istruttore lo chiamava “stupido”: ragazzo autistico studia legge e fa causa alla palestra

CONDIVIDI

La storia che vi raccontiamo oggi risale all’oramai lontano 2015, l’anno in cui Ketan Aggarwal, londinese di 30 anni, ha deciso di fare causa nientemenoche alla Vircin Active, palestra che all’epoca frquentava per un corso di spinning.

Perché il ragazzo in questione ha preso la decisione di passare alle vie legali con quella che sarebbe dovuta essere invece una struttura a lui amica, sinonimo di benessere e divertimento? Perché l’istruttore era solito chiamarlo “stupido”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Indossi leggings? Allora non puoi salire a bordo: la disavventura di due passeggere della United Airlines

Ragazzo auistico fa causa alla palestra: lo chiamavano stupido

Ketan Aggarwal è un ragazzo autistico. La diagnosi per lui è avvenuta in età già adulta ma questo certo non gli ha impedito dic onsurre una vita normale.

Ketan, come molti suoi coetanei, andava infatti in palestra ma proprio qui si è trovato a vivere uno spaicevole episodio. Durante una lezione di spinning ha fatto notare all’istruttore, concordando con un altro ragazzo, che la musica eraforse un po’ troppo lenta. Il trainer però non ha preso bene il commento e, invece di battibeccare con entrambi i suoi accusatori, se l’è presa solo con Ketan, apostrofandolo come “stupido”.

“Chiamare qualcuno con una disabilità mentale ‘stupido‘ è come deridere un ragazzo su una sedia a rotelle” ha spiegato il giovane protagonista di questo racconto che però non si è perso d’animo. Il ragazzo si mette infatti a studiare legge da autodidatta: trascorre ben due anni in biblioteca e su internet ma alla fine la spunta.

Ketan fa causa alla palestra, vince e ottiene un risarcimento di 1390 sterline, oltre alle scuse formali dello staff del quale intanto non faceva più parte l’istruttore del misfatto, licenziato per la sua condotta inappropriata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –>Lascia il bar senza pagare ma tre settimane dopo la sorpresa

 “Per me non è mai stata una questione di soldi – ha spiegato Ketan – è stato meraviglioso vincere”. Chi se la prende con i più deboli non pensa mai che siano loro alla lunga a poterla spuntare: questa storia speriamo possa allora metter la pulce nell’orecchio almeno a qualcuno. Chi la dura la vince!