Home Maternità

Gravidanza: Nausee mattutine? Ecco alcune strategia per affrontarle al meglio

CONDIVIDI
(Istock)

E’ un disturbo molto frequente in molte donne in dolce attesa, e sopratutto molto fastidioso che compaiono in mattinata e che poi ci accompagnano con maggiore o minore intensità durante tutta la giornata, si proprio loro le nausee.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Attenzione al peso l’obesità può ostacolare il concepimento

Nausee mattutine, alcuni consigli per affrontarle meglio

Questo disturbo si può presentare in diversi modi: può essere un mal di stomaco determinato dalla percezione di determinati odori, può presentare qualche conato di vomito e poi sparire oppure trasformarsi in un vero e proprio vomito che ci accompagna per l’intera giornata.

Alla base di questo disturbo esiste una modificazione del livello ormonale che incide sul funzionamento del sistema neuro vegetativo, ed oltre a questo esistono anche altri fattori psicologici, biologici e culturali, si perchè ci si trova di fronte ad un notevole cambiamento dal quale è difficile tornare indietro. Per quanto fastidioso possa essere per la mamma questo disturbo non sembra avere ripercussioni sul bambino.

Quello che dobbiamo fare è cercare di contenere il disturbo durante la giornata e possiamo farlo mettendo in pratica alcuni semplici accorgimenti.

Il più importante è evitare assolutamente di lasciare a lungo lo stomaco vuoto per questo è bene fare dei pasti piccoli ma molto frequenti tra di loro. Inoltre dato che la nausea compare con maggiore frequenza la mattina possiamo mantenere vicino a noi dei biscotti o dei cracker anche prima di iniziare la colazione.

Visto che le nausee e il possibile vomito portano ad una perdita di sali minerali è bene avere un’alimentazione ricca di queste sostanza per questo non bisogna mai farci mancare frutta e verdura. Da evitare invece i cibi troppo speziati o saporiti. Un buon rimedio anti nausea naturale è lo zenzero, questa radice può essere assunta sotto forma di tisana o come condimento grattugiandola.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Pubalgia in gravidanza cosa è e come curarla