Home Psiche

Psiche: Quando si è troppo sicuri di sè: il narcisismo

CONDIVIDI
(IStock)

Il narcisista è una persona molto sicura di sè che passa l’intera esistenza a contemplare se stesso, le sue qualità le sue caratteristiche a scapito degli altri. Il narcisista è un manipolatore per eccellenza, completamente esente di empatia, in grado di procurare dolore all’altro senza mostrare nessun tipo di rimorso o senso di colpa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La profezia che si autoavvera

Il disturbo narcisistico di personalità

In tutti noi è presente un lato narcisistico che di per sè non è assolutamente negativo, anzi lo si può considerare un mezzo, una forma di difesa verso se stessi, ma ciò che lo rende “pericoloso” e patologico è la totale assenza di empatia e preoccupazione verso l’altro. Il narcisista infatti non riesce a considerare gli altri se non come oggetti che “utilizza” quando lui lo ritiene necessario per il soddisfacimento dei propri bisogni.

Ciò che caratterizza il narcisista inoltre è la tendenza a mentire, egli infatti non mente solo agli altri ma mente anche a se stesso: ciò che racconta servono per nutrire la sua autostima egli in qualche modo è costretto a mentire altrimenti dovrebbe confrontarsi con il vuoto interno. Questo lo porta a creare una falsa immagine di sè che poi finirà per essere percepita come l’immagine reale.

Ma quali sono le caratteristiche che ci fanno dire di essere di fronte ad una persona narcisistica?

Quando il soggetto presenta: un  bisogno costante di essere ammirato; sente in modo esagerato di essere importante; l’assenza per un interessa vero e autentico nei confronti dell’altro; invidia latente che è nascosta sotto la convinzione di essere invidiati e l’assenza di empatia.

L’assenza di empatia e l’incapacità di provare interesse verso l’altro e la manipolazione sono dei meccanismi di difesa tipici di questa personalità e che sono fondamentali per la sua sopravvivenza. Questo soggetto è cresciuto all’interno di una famiglia disfunzionale che lo ha sempre ipersoddisfatto facendolo quindi crescere con la necessità di avere e di aspettarsi costanti attenzioni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La formazione reattiva come meccanismo di difesa