Home Coppia

Relazioni di coppia: analizzare i motivi di una rottura ci aiuta a superarla meglio

CONDIVIDI
(IStock)

La fine di una relazione di coppia è sempre un momento difficile e delicato, sia che la relazione duri da tanto tempo sia che sia iniziata da poco.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Amore e innamoramento sono la stessa cosa?

Analizzare la rottura aiuta a superarla meglio….lo dice la scienza!

I giorni successivi alla separazione sono giorni tristi passati a ricordare e rimuginare su ogni minimo dettaglio, passiamo intere giornate a sezionare quello che è successo chiedendoci che se avessimo agito in un altro modo o pronunciato altre parole magari la situazione sarebbe diversa. Siamo inoltre soggette a sentirci ripetere dalle amiche e dai nostri parenti “smettila di starci a pensare” oppure “vai avanti con la tua vita”, in realtà invece noi facciamo l’esatto contrario.

Da oggi siamo libere di torturarci perchè la scienza ci dà il permesso di farlo! Questo permesso arriva direttamente dagli Stati Uniti, in modo particolare dalla Northwestern University in Arizona, dove un gruppo di ricercatori ha chiesto a circa 200 ragazze di sottoporsi ad una specie di test per circa nove settimane, dove veniva chiesto loro di rivivere la rottura andando ad analizzare i sentimenti ad essa legati e di quanto queste emozioni fossero ancora presenti in loro. Ovviamente tutte le ragazze interpellate avevano da poco chiuso una relazione amorosa.

Alla fine del periodo di analisi i ricercatori hanno visto come le ragazze che erano riuscite ad esprimere i loro sentimenti ed il loro malessere, durante tutte le nove settimane, hanno mostrato dia vere una maggiore consapevolezza di sè rispetto a quelle ragazze che hanno interrotto il percorso.

Questa ricerca mostra come l’analizzare, non solo grazie all’aiuto e alla consulenza di uno specialista, quanto ci accade non è affatto controproducente ma che al contrario ci permette di capire gli errori e di andare avanti così da evitare di commetterli di nuovo.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Le donne preferiscono l’uomo “buono”