Home Matrimonio

Matrimonio: le regole del galateo per l’abito della sposa e dello sposo

CONDIVIDI

Il matrimonio è nei vostri progetti? Se siete dei fidanzati a cui le convenzioni e le regole del galateo non fanno paura ecco alcune delle norme previste dal galateo classico delle nozze per quanto riguarda la scelta dell’abito da cerimonia per la sposa, lo sposo e anche i membri più vicini alla coppia come i testimoni.

Forse non riuscirete a seguirle alla lettera e di certo scoprire che l’abito lungo non dovrebbe essere utilizzato proprio sempre, infrangerà qualche sogno nel cassetto, ma conoscere non significa per forza applicare e proprio per questo conoscere come secondo la tradizione, dovrebbero andare le cose, potrà soltanto arricchire il nostro bagaglio culturale, soprattutto in previsione di un passo così importante verso una vita assieme.

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Wedding balloons, per un matrimonio frizzante e creativo          

Le regole del galateo classico del matrimonio per la scelta dell’abito da cerimonia della sposa e dello sposo

->POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Le scarpe da sposa 2017 di Alessandra Rinaudo in una esclusiva foto gallery 

Se la cerimonia si svolgerà in chiesa, la sposa dovrebbe indossare l’abito lungo soltanto se lo sposo, i parenti e i testimoni indossassero il tight.

Soltanto in questo caso, l’abito potrebbe prevedere uno strascico ed il velo. Il colore dell’abito da sposa dovrebbe variare tra le nuance del bianco, dell’avorio, del panna o dello champagne.

Oggi però a seguire le regole sono davvero in pochi e nulla vieta ad una sposa di indossare l’abito dei suoi sogni anche se lo sposo indossasse un bellissimo completo che per nulla ricordi l’eleganza del tight.

Inoltre gli stilisti, stanno puntando sul colore per dare un tocco di freschezza alle collezioni e per questo anche un abito pastello sarà perfetto per vestire una ragazza giovane e dalla forte personalità.

Se la cerimonia sarà civile, sarebbe preferibile scegliere un abito corto, dallo stile raffinato e composto.

Perfetto il tailleur, magari in una linea moderna e arricchita di particolari. Via libera però anche al pantalone, al tubino o alla gonna longuette.

Il velo nella cerimonia in comune non è previsto, ma come per la cerimonia in chiesa, la scelta sarà libera e la sposa potrà scegliere di coronare il suo sogno d’amore con l’abito lungo.

Per lo sposo, vale la regola elencata precedentemente. Se la sposa veste l’abito lungo e la cerimonia in chiesa ha un carattere piuttosto formale, lui dovrà indossare il tight completo di cappello a cilindro. Questo per le cerimonie dal mattino fino alle ore 18.00.

Dopo le 18.00, lo sposo potrebbe scegliere anche di indossare il frac.

Se la cerimonia si svolge in comune, anche un abito dallo stile classico, in blue o grigio antracite, andrà benissimo.

CONOSCI LA NOSTRA STYLE COACH ELISA MARCHIORI -IL VIDEO-