Home Fitness

Fitness: Un nuovo modo di fare stretching…..è arrivato il focusing

CONDIVIDI
(IStock)

Siamo abituate a concentrare la nostra attenzione all’attività sportiva in se e molto spesso evitiamo o diamo per scontato di effettuare lo stretching a fine seduta. Lo stretching è un’attività molto importante per il nostro fisico dopo una seduta di allenamento perchè ci aiuta a distendere e rilassare i muscoli che abbiamo stressato fino a qualche istante prima se fatto correttamente aiuta a prevenire stiramenti e infortuni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Acqua antalgica per ritrovare la scioglievolezza

Il focusing un nuovo modo per rilassarsi

Il focusing è una forma di stretching più evoluta che permette di unire ginnastica e concentrazione. Secondo il Dottor Riccardo Ceccarelli, medico sportivo e direttore di Formula MEdicine, tre sono i fattori che caratterizzano il focusing, vediamoli insieme.

L’attenzione al muscolo: ci si focalizza sullo stretching di determinati muscoli  che verranno successivamente sottoposti a sforzo e a sessioni di carico. Quello che è importante è che la nostra mente deve essere ben focalizzata sulle sensazioni che arrivano dai muscoli in questione, a quello che ci stanno trasmettendo, per poter lavorare così sulla tensione e non sul dolore. Se percepiamo dolore è perchè abbiamo allungato troppo il muscolo e quindo dobbiamo ritornare in una posizione di riposo e distensione. Per questo la concentrazione è molto importante.

La postura: bisogna assumere la posizione giusta se vogliamo allungare il muscolo nel modo migliore, tale posizione deve essere mantenuta per alcuni secondi, anche qui è molto importante stare attenti a ciò che si fa ed evitare di molleggiare altrimenti si sollecita continuamente il muscolo.

La respirazione: deve essere rilassata e lenta aiutandoci così a mantenere la concentrazione e la postura favorendo in questo il rilassamento.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: come correre senza farsi amle

Prima di iniziare il focusing è bene preparare le zone muscolari  che si andranno ad attivare con un massaggio delicato, della durata circa di 3 minuti, con l’ausilio di una crema specifica che penetri nelle articolazioni aumentandone l’elasticità.