Home Attualità

Festival di Sanremo: Ron ci presenta “L’Ottava meraviglia”

CONDIVIDI
(Web)

E’ stato il nono a calcare il palco dell’ Ariston presentando al pubblico italiano “l’ottava meraviglia”  La  canzone presentata da Ron  ci dice come poter essere di aiuto e supporto a tutte quelle persone che si trovano in un momento di difficoltà.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sanremo Maria De Filippi incanta all’Ariston

Ci fa riflettere su quanto la nostra vita sia complicata ogni giorno di più, ma non dobbiamo mai perdere la speranza, non dobbiamo mai lasciarci abbattere delle difficoltà, anche se a volte ci sembrano proprio insormontabili perchè proprio quando meno ce lo aspettiamo un aiuto improvviso può cambiare il corso della nostra esistenza. E’ un inno alla speranza.

Nonostante il bel messaggio inviato purtroppo Ron si trova a rischio eliminazione infatti si è classificato tra gli ultimi tre. Dovrà perciò partecipare ad un torneo di qualificazione.

L’ottava meraviglia è contenuta all’interno dell’album “La forza del si” che uscirà il prossimo 10 febbraio

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Tutti i cachet milionari

L’ottava meraviglia” il testo della canzone di Ron

La mia vita è una candela
brucerà lasciando cera
è la scena di un romanzo
che non so come finirà
all’inizio un’altalena
una storia, una sirena
è la convinzione di raggiungerti
anche in capo al mondo

Anche quando sono in coda
nella fretta di arrivare
fra polemiche alla radio
una casa nuova da desiderare
e stasera piove ancora
e stasera farò tardi
le giornate sempre corte
e io sempre meno giovane
ma in fondo

L’ottava meraviglia del mondo
siamo io e te, siamo io e te
in mezzo ai nostri pensieri
c’è una strada da fare
da percorrere insieme
su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
nei miei occhi l’America
nei tuoi passi l’Oriente
fino a che non cadranno
saranno le stelle a inseguire i nostri momenti

C’è una strada nel sempre
dove con te voglio andare
per dividere il mondo e poi ricominciare
un sentiero da esplorare
che mi tiene ancora acceso
scivolando sulla noia
tu mi hai rialzato con la gioia
e arrivavo come un tuono
in ritardo come sempre
la tua luce un’anteprima
a quello che avrei detto
che avrei fatto dopo
ma in fondo

L’ottava meraviglia del mondo
siamo io e te, siamo io e te
in mezzo ai nostri pensieri
c’è una strada da fare
da percorrere insieme
su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
nei miei occhi l’America
nei tuoi passi l’Oriente
fino a che non cadranno
saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
c’è una strada nel sempre
dove con te voglio andare
andare, andare, andare

C’è una strada nel sempre
dove con te voglio andare
per dividere il mondo
e poi ricominciare
ricominciare