Home Maternità

Essere genitori: come aiutare a crescere i bambini prematuri

CONDIVIDI

Ogni anno nel nostro Paese nascono circa 40 mila neonati prematuri, bambini fragili che hanno necessità di cure apposite fin dalle prime ore di vita. Grazie ai vari ritrovati in campo medico possono sopravvivere in modo sano.

(IStock)
(IStock)

Il neonato pretermine

Si parla di nascita prematura quando questa avviene prima della 37ª settimana gestazionale. I bambini al di sotto delle 28 settimane sono definiti “estremi prematuri“.

Le 40 settimane gestazionali sono necessaria al piccolo per far si che il loro corpo e il loro  sistema nervoso raggiungano il loro pieno sviluppo.

Chi nasce prima del termine non ha potuto  maturare completamente e per questo può aver bisogno di cure speciali. Più tempo passano nella pancia e meno è probabile che i bambini prematuri abbiano problemi respiratori, cardiaci, neurologici o di altro tipo. Sono soprattutto quelli sotto le 32 o sotto le 28 settimane di gestazione, ad essere più problematici.

Sono molteplici le cause di nascita pretermine, ad esempio il travaglio spontaneo è pari al 50% dei casi e può essere determinata da:  l’età avanzata o addirittura estremamente giovane, gravidanze ripetute a breve intervallo e iponutrizione. Anche lo stile di vita della mamma è sicuramente un fattore che influisce sulla nascita pretermine, infatti lo stress e l’eccessivo lavoro fisico o lunghi periodi passati in piedi. Il fumo e il consumo eccessivo di alcol sono stati associati all’aumento del rischio di parto pretermine, che risulta più comune nei maschi, con circa il 55% delle nascite.

Per permette a questi bambini di crescere sani sono necessarie continue e mirate cure fin dalla nascita. Ecco perché sé bene concentrare solo in pochi ospedali  le tecnologie e le professionalità migliori. E’ inoltre importante permettere alle mamme di accedere, senza nessun limite di orario, alle alle terapie intensive neonatali, solo così è possibile favorire l’allattamento al seno e lo sviluppo della relazione con il bebè, che per i bambini prematuri diventa una sorta di  salva-vita. Infatti, stando accanto alla mamma lo sviluppo neurologico e non solo migliora.