Home L'Esperto Risponde

Dal controllo dell’altro al controllo di sè

CONDIVIDI

Controllo e autocontrollo: quale la differenza? Come impara il bambino entrambe queste funzioni? Ce lo spiega la nostra psicologa di fiducia, Teresa Benedetti.

iStock Photo
iStock Photo

Il passaggio dal controllo esterno all’autocontrollo rappresenta un punto fondamentale della vita del bambino, e dipende dallo sviluppo di determinati prerequisiti cognitivi e dal sostegno ed alla vicinanza dei genitori e adulti di riferimento. E’ solo attraverso un’iniziale dipendenza dagli altri che il piccolo può con il tempo sviluppar una propria autonomia.

Durante i primi anni di vita i bambini passato attraverso una serie di fasi in cui affrontano specifiche prove evolutive che devono essere superate per acquisire un certo tipo di controllo del proprio comportamento.

Durante i primi due mesi è compito del genitore salvaguardare il proprio bambino da tutti quegli stimoli eccessivamente forti che potrebbero comportare una eccessiva stimolazione sensoriale. Successivamente, nel periodo che va deai 3 ai 9 mesi, il bambino impara ad adattare il proprio comportamento alle circostanze esterne ad esempio raggiungere gli oggetti ed afferrarli. Questo comportamento prende il nome di modulazione perché non è né conscio né intenzionale. Il controllo volontario compare solo alla fine del primo anno di vita, ed è in questo momento che il bambino diventa capace di rispettare gli ordini. L’obbedienza però è ancora legata alla presenza dell’adulto: il piccolo non è ancora in grado di interiorizzare gli ordini. Questa capacità compare intorno ai 2 anni, quandodiventa capace di rispettare le istruzioni del caregiver in modo autonomo. Diventeranno stabili dai 3 anni in poi.

VIDEO NEWSLETTER

Teresa Benedetti

teresabenedetti@yahoo.it