Zivame, il brand che ha rotto il tabù della lingerie femminile in India

Per tutte noi, sembra la cosa più semplice del mondo entrare in un negozio di lingerie, scegliere il capo che ci piace, provarlo e portarlo a casa, ma nel mondo questa è una libertà che non è comune a tutte le donne, soprattutto in India, dove l’acquisto di un capo di biancheria intima, ha rappresentato per anni un momento aberrante per le donne.

richa-kar_ceo-zivame5-jfw

La lingerie femminile infatti, ha rappresentato sempre un tabù sociale e le donne sono state costrette a scegliere sempre la poca scelta proposta nei negozi sotto l’occhio giudicante dei commessi, con il risultato di indossare spesso il reggiseno della taglia sbagliata.

Arriva Ziwame, il sito di vendita on line di lingerie e la rivoluzione femminile inizia la sua attività, nascosta dietro al monitor di un computer o lo screen di uno smartphone.

Zivame, il sito che vende 4 reggiseni al minuto in India

Il sito Zivame è stato creato da una giovane imprenditrice indiana, Richa Kar, che dopo essersi laureata in ingegneria ha deciso di mettersi in affari andando incontro all’esigenza di moltissime donne indiane vittime di una società che non permetteva loro di vestire l’intimità in modo piacevole e libero.

Un progetto ambizioso che in pochi anni ha raccolto investimenti per 48 milioni di dollari rompendo gli schemi dentro cui le donne indiane erano costrette.

Zivame ad oggi, vende ben 4 reggiseni al minuto, capi che permettono alle donne indiane di sviluppare la loro parte femminile e comprare un capo di lingerie in piena libertà senza doversi accontentare delle poche taglie disponibili, acquistate sotto l’occhio imbarazzante dei commessi.

Acquistare su Zivame è un’operazione semplice e discreta, il pacco arriva a casa in forma anonima, ma il successo riscosso e i tanti riscontri sui social, ha ispirato la creazione di veri e propri show room dove le donne possono recarsi ed avere consigli su misure e modelli da poter anche acquistare poi sul sito.

Insomma la rivoluzione in rosa non cessa il suo incedere, anche se vestita di pizzi e merletti continua a rompere gli schemi e a sotterrare tabù!