Pianto, urla e insonnia … sono arrivate le coliche gassose!

(IStockPhoto)

Il piccolo inizia a piangere incessantemente, a lungo e intensamente senza un apparente motivo, mentre sul volto dei genitori si fanno strada espressioni di panico. Urla disperate, pugnetti stretti e gambe flesse all’addome. Non ci sono dubbi sono proprio loro e come sempre arrivano all’improvviso e non danno scampo: le coliche gassose! Purtroppo però c’è poco da fare solo mantenere i nervi saldi e abbassare il livello d’ansia.

(IStockPhoto)
(IStockPhoto)

Cosa sono e da dove nascono?

Le coliche sono legate ad alla scarsa maturità del sistema digestivo del bebè che provoca la presenza di gas intestinali che generano delle dolorose tensioni nell’addome. A volte le coliche sono legate alla difficoltà di digerire certi tipi di latti artificiali o certi alimenti di cui si alimenta la mamma che allatta. In quest’ultimo caso, spesso la causa sono gli alimenti che presentano latte vaccino. Ciò che di solito fa riconoscere il pianto da colichetta dagli altri è la regola del tre:  il pianto da colica gassosa dura almeno tre ore al giorno, per tre giorni alla settimana, per almeno tre settimane.

Come aiutarlo?

Purtroppo con le coliche c’è davvero poco che possiamo fare, devono risolversi da sole. Possiamo però cercare di recare un pò di sollievo al nostro piccolino … ecco alcuni  utili consigli. Per prima cosa proviamo con un massaggio al pancino così da aiutarlo ad espellere l’aria. Eseguiamo dei movimenti circolari in senso antiorario (tale è la direzione di marcia dell’intestino) sull’addome, con i palmi aperti e facendo una leggera pressione. Per aiutarci a favorire lo scorrimento della mano sulla pelle possiamo usare dell’olio di mandorle o una crema. Ripetiamo il massaggio per una decina di volte.

Possiamo provare a ninnarlo a pancia in giù sulla nostra mano. L’unione tra il calore ed il dondolio favorisce il movimento dell’intestino e aiuta la pancia a distendersi. La mano sulla pancia trasmette calore e in questa posizione possiamo ninnarlo.

Come ultima cosa possiamo aiutare il bambino ad espellere l’aria muovendogli le gambe. Afferriamo le caviglie e portiamo delicatamente le sue gambine verso l’alto per poi “raccoglierle” sulla pancia con una moderata pressione. Ripetiamo questo movimento  per 10 volte. Possiamo poi terminare  con un pò di  “bicicletta”.

Un consiglio per tutte le mamme: le coliche sono un problema normale che interessa quasi tutti i bambini piccoli, che si risolve da sè di solito intorno al terzo mese di vita. Dobbiamo solo viverle nel miglior modo possibile con serenità e tranquillità perchè….. tanto passano!