L’immagine in una mano

iStock Photo

Noi donne lo sappiamo bene: è il dettaglio a fare la differenza!

Oggi Elisa Marchiori, style coach di CheDonna.it, ci chiarisce ulteriormente il concetto, invitandoci a preoccuparci di un dettaglio assai improtante: le mani!

Smalto, nail art, idratazione saranno i punti chiave su cui concentrarci.

iStock Photo
iStock Photo

Quante sfaccettature ha la consulenza di immagine, quante sfaccettature in una persona, e quante fanno parte delle nostre caratteristiche caratteriali ed estetiche.

Se mi ricollego al post precedente, la sfaccettatura si materializza in un accessorio, l’orologio, in grado di dare personalità in un outfit, e cos’è alla fine, se non un dettaglio?

Il famoso dettaglio che fa la differenza. Quel particolare che farà in modo di farti ricordare da chi ti incontra, positivamente o meno, in modo curato o trascurato, e nella mente di chi ti osserva, c’è la possibilità di una specie di “classificazione”. Chi ti osserva infatti immagazzina informazioni su di te ed un dettaglio, potrebbe promuoverti come una persona che cura il particolare, viceversa, che resta nell’approssimazione.

Diciamo che essere ricordate come persone che non danno importanza al particolare, non credo che faccia piacere a nessuno. Si, è vero che può essere una prima impressione sbagliata, che può essere smentita con il tempo. Devi considerare però, che a volte, le circostanze, non ti permettono di rettificare quello che è stato “detto” con la tua immagine in un primo momento.

Tasto delicato soprattutto se rimandiamo il discorso in ambito professionale, dove chi hai di fronte, potrebbe essere un tuo potenziale cliente e la percezione che avrà di te, se non sarà positiva al 100%, influirà in modo probabilmente negativo sull’assegnazione del lavoro.

Qual è il particolare che in una donna fa moltissima differenza, specialmente in noi italiane, abituate a ad esprimerci anche a gesti?

Le mani.

Le mani vanno curate con la stessa attenzione che dedichi al viso, crema idratante tutti i giorni, e soprattutto, unghie sempre curate.

Anche le unghie vanno “vestite”, e la tendenza dello scorso anno, e che è stata anche nella scorsa estate, anche se a dir la verità ne ho viste ben poche in giro, era averle senza colore, semplicemente lucidate con le apposite lime.

La vera tendenza di questo inverno riguarda il colore, e dato il ritorno degli anni 90, quale miglior colore di un egocentrico argento? Bello nella vita privata, eccessivo per i miei gusti, per quello che riguarda una professione, a scanso di quelle più creative.

Smalto semplice, semipermanente o colata in gel, la nail art ideale che ti consiglio, per avere un effetto curato senza eccedere, è quella con lo smalto bianco latte, oppure il classico rosso, o ancora il french, che non tramonterà mai.

Trovo molto carina e delicata la forma dell’unghia a “mandorla”, sempre che sia adatta alla tua mano, mentre la lunghezza direi una media, ma qui varia tanto in base ai gusti e se riesci a gestire unghie più lunghe, soprattutto nelle faccende e nella scrittura al computer o per chi si trova alla cassa di un supermercato.

Se ti piace indossare lo smalto classico, fai attenzione, uno dei segni di maggior trascuratezza è proprio avere uno smalto sbeccato. Quindi, se non sei certa che la laccatura possa durare molto a lungo, preferisci uno smalto trasparente ad uno colorato, magari uno di quelli rinforzanti, darà la giusta cura alla tua mano, ed eviterai l’imbarazzo di una sbeccatura non voluta, ma che potrebbe dare un’impressione non voluta.

Elisa Marchiori

Facebook: https://www.facebook.com/Elisa-Marchiori-Consulente-di-Immagine-Personal-Shopper-237696146350199/?ref=bookmarks

PER CONTATTARE I NOSTRI PROFESIONISITI SCRIVI A [email protected]