Bambini bilingue, i vantaggi evidenti a partire dagli 11 mesi

Uno studio dell’Università di Washington ha rilevato che non si è mai troppo piccoli per imparare le lingue. Sembra infatti che i bimbi bilingue comincerebbero a sortire i benefici di questa doppia impartizione già dagli 11 mesi.

bambini_adottati-thumb

Quando infatti i bambini cominciano a parlare e proferire le prime paroline sono già a conoscenza di vocaboli appartenenti ai due idiomi.

La ricerca dell’Università di Washington

La ricerca dell’Università di Washington ha messo a confronto 16 bambini di 11 mesi, 8 cresciuti in famiglie monolingue inglesi e gli altri 8 in famiglie bilingue inglesi e spagnoli di diversa estrazione sociale.

L’autrice della ricerca, la scienziata Naja Ferjan Ramirez ha dichiarato:

“I nostri risultati suggeriscono che, prima ancora di iniziare a parlare, i bambini cresciuti in famiglie bilingue fanno pratica in attività che implicano la funzione esecutiva del cervello. Questo suggerisce che il bilinguismo favorisca non solo lo sviluppo del linguaggio, ma anche più in generale quello cognitivo”

Gli scienziati per giungere al risultato della ricerca, si sono serviti della Magnetoencefalografia (MEG), che si basa sulla misurazione dei campi magnetici prodotti dall’attività elettromagnetica dell’encefalo, strumento in grado di individuare la tempistica e la localizzazione delle attività celebrali.

I 16 bambini sono stati sistemati su dei seggioloni e dotati di un elmetto con lo scanner MEG. Tutti i bimbi poi hanno ascoltato una registrazione di 18 minuti contenente suoni del linguaggio.

Durante il monitoraggio, è stata evidente la differenza tra i campioni, in due regioni del cervello a cui corrisponde la funzione esecutiva.

I bambini bilingue in questa regione rispondevano maggiormente. I ricercatori inoltre hanno chiarito che i bimbi bilingue imparano le due lingue con lo stesso ritmo con cui gli altri bimbi ne imparano una, come affermato dalla dottoressa Ramirez:

“Il cervello di bambini di 11 mesi è ugualmente in grado di apprendere una lingua così come lo è di due. I nostri risultati sottolineano che non solo sono capaci d’imparare le lingue già da piccoli, ma che la prima infanzia è il momento migliore per iniziare a farlo”