Home Attualità Terremoto Centro Italia: Selvaggia Lucarelli contro l’informazione italiana

Terremoto Centro Italia: Selvaggia Lucarelli contro l’informazione italiana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07
CONDIVIDI

Terremoto Centro Italia. Nelle ore concitate della diretta sul terremoto che nella notte ha colpito il centro Italia, diverse sono state le informazioni che si sono susseguite nella notte. Alcune imprecise, a causa della concitazione dell’ultima ora. Ma c’è una gaffe che non è sfuggita alla blogger Selvaggia Lucarelli, che l’ha voluta denunciare sul suo profilo Facebook.

Lo screenshot del Corriere della Sera sul terremoto nel centro Italia
Lo screenshot del Corriere della Sera sul terremoto nel centro Italia

La Lucarelli ha attaccato il Corriere della Sera, che oltre ad essere arrivato tardi sulla notizia, ha commesso una gaffe imperdonabile sul nome di Amatrice, il piccolo centro del Lazio duramente colpito dal sisma.

Ecco le parole di Selvaggia Lucarelli:

Mi trovo in Thailandia e visto che qui siamo 5 ore avanti, ho saputo del terremoto nel centro Italia praticamente in diretta. (in Italia erano le 3,30 e qui le 8,30) Questo mi ha permesso di osservare il modo in cui s’è mossa l’informazione in quei primi momenti convulsi e confusi, finché il quadro non si è fatto un po’ più chiaro. Twitter come sempre si rivela il modo più efficace per capire qualcosa nell’immediato, poi dovrebbero pensarci gli organi di informazione. Possibilmente in fretta. Ora, va bene che è notte fonda, va bene che è agosto, ma una redazione online coi controcazzi non può rimanere scoperta. Non ci sono solo i terremoti, c’è mezzo mondo che è in piedi alle tre del mattino. Peggio ancora, non si può affidare l’online del primo giornale del paese al primo stagista capra che passa. (voglio pensarla così, altrimenti che paura) O al primo che si sveglia. O al primo che ha un pc nello zaino a Riccione. Ditemi voi se è possibile che la tanta gente svegliata dal terremoto o sveglia e basta in Italia debba aver letto sul sito del Corriere (a due ore e mezzo dal sisma, praticamente dopo tutti) che a) il sindaco di MATRICIANA dice che il paese non esiste più B) che secondo la cartina del Corriere l’epicentro è a Larino, in Molise, che voglio dire, io ho i miei genitori a Vasto, mi sono pure preoccupata.
Il bello è che è possibile ricostruire la catena di minchiate così:
il tizio sente che c’è stato un terremoto a “Amatrice”. Non ha la più pallida idea di dove e cosa sia e googola “Matrice” che è un paesino in Molise. Poi prende una cartina del Molise e ci mette una stellina a caso (perchè non è neanche nel punto esatto del Molise in cui c’è Matrice), poi scrive il pezzo attingendo dalla sua memoria breve mixando Amatrice e Matrice, partorendo un bel “Matriciana”.
Ora io davvero non so chi sia il responsabile ma mi auguro che questo/questi cialtroni vadano a fare gli stagisti in una merceria e che anche al Corriere.it oggi ci sia un piccolo, solo metaforico terremoto. (P.s. Non cominciate con la solfa degli stagisti sottopagati perché gente così non dovrebbe essere pagata da nessuno e non cominciate con la solfa “ti pare il caso di fare polemica con terremoto blablabla” perché l’informazione è una cosa seria. Come i terremoti, purtroppo.)

Il post come appare su Facebook

Terremoto Centro Italia: lampadario oscilla in una casa di Roma – VIDEO