Home Attualità

Il dramma dei bambini siriani e una società perduta dietro ai Pokemon

CONDIVIDI

I bambini siriani lanciano una struggente campagna nella quale chiedono di essere cercati e salvati come i Pokemon. I particolari da CheDonna.it.

Bambini siriani con i disegni dei Pokemon (Facebook)
Bambini siriani con i disegni dei Pokemon (Facebook)

Una società perduta dietro al consumismo e alla gratificazione immediata rischia di smarrire i valori fondamentali e il senso delle cose. Viene invertita drammaticamente la scala delle priorità. Le sciocchezze acquistano una importanza inverosimile, mentre i problemi veri, anche a noi vicini, vengono ignorati. E’ quello che sta emergendo in modo evidente nel contrasto stridente tra le follie e i capricci di una società occidentale persa dietro ai consumi e un mondo in crisi nera, perso tra guerre, terrorismo e devastazioni ambientali.

Così, mentre la nuova moda del momento è quella di inseguire i mostriciattoli dei Pokemon, nel nuovo gioco per smartphone Pokemon Go, che sta facendo impazzire tutti, bambini e adulti, c’è chi dall’alytra parte muore sotto le bombe, e sono sempre più spesso bambini. Non che ci sia nulla di male in un gioco per smartphone, ma quando diventa una mania totalizzante e collettiva, viene da chiedersi come abbiamo fatto a ridurci in questo modo, a perdere completamente il senso di ciò che è importante.

Così per richiamare l’attenzione su quello che in questo momento è veramente urgente è stata lanciata una commovente campagna di sensibilizzazione per salvare i bambini siriani, vittime innocenti di una brutale guerra civile che dura da 5 anni. “Invece dei Pokemon, trovate e salvate noi“, dicono i bambini siriani vittime della guerra, esponendo dei cartelli dove sono disegnati i personaggi del celebre gioco.

Un appello struggente, che ci fa sentire tutti meschini nelle nostre priorità e abitudini quotidiane.

La campagna è stata lanciata dall’organo di comunicazione delle forze rivoluzionarie siriane (The Revolutionary Forces of Syria Media Office). L’ente ha diffuso diverse immagini di bambini siriani, mentre mostrano alcuni cartelli con i disegni dei Pokemon e i messaggi in arabo in cui chiedono di essere salvati dalla guerra. Qui di seguito una fotogallery con alcune immagini.

Le foto sono state pubblicate sulla pagina Facebook di Mohammed Matter qui.

I bambini siriani e i Pokemon – VIDEO