Home Attualità

Lizzie Velasquez insultata dai bulli: “perché non ti suicidi?”

CONDIVIDI

Lizzie Velasquez la ragazza affetta dalla sindrome di Barsy, una malattia genetica che non le consente di mettere su peso, continua ad essere vessata dai bulli che dopo averla definita la donna più brutta del mondo, hanno continuato a perseguitarla con commenti a dir poco scioccanti.

lizzie-lotta-contro-il-bullismo

La ragazza che ha 29 anni, vive in Texas con la sua famiglia e quando aveva solo 17 anni, trovò su You tube un video che parlava di lei in cui veniva descritta con parole vergognose.

La sua patologia purtroppo al costringe a mangiare ogni 15 minuti e ad ingerire circa 8000 calorie al giorno per non scendere di peso, che non ha mai superato i 28 chili.

La crudeltà e l’ignoranza delle persone però, non hanno avuto pietà per questa giovane donna che ogni giorno lotta contro i pregiudizi e che ha deciso di investire la sua vita lavorando per distruggere ogni forma di bullismo.

I commenti scioccanti contro Lizzie Velasquez e la sua risposta ai bulli

Le immagini e i video che girano in rete su Lizzie Velasquez sono sempre accompagnati da commenti aberranti:

           “Suicidati, sei la più brutta del mondo! Ma perché i tuoi genitori hanno deciso di tenerti?”

Parole che arrivano dritte al cuore sofferente di Lizzie che in una intervista a Today ha raccontato molto della sua vita e della sua sofferenza:

“Prima di andare a scuola non sapevo di essere diversa dagli altri. Per la mia famiglia ero solo Lizzie. A 5 anni ho iniziato a frequentare l’asilo. I bambini erano spaventati da me, mi indicavano e non volevano sedersi vicino a me. Non capivo. Non gli facevo niente di male, perché ce l’avevano con me? Ho raccontato tutto ai miei genitori che mi hanno detto: “Non c’è nulla di sbagliato in te, sei solo più magra degli altri bambini. Sei bella e intelligente e sei in grado di fare qualunque cosa”

e aggiunge:

“Un giorno mi stavo attardando su YouTube prima di fare i compiti. Poi ho visto un video che aveva un aspetto familiare. Cliccarlo ha stravolto la mia vita. Era un video su di me, con più di 4 milioni di visualizzazioni. I commenti dicevano che il mondo sarebbe stato un posto migliore, se mi fossi tolta di mezzo. Mi misi a leggere ogni singolo commento, sperando che almeno uno avrebbe preso le mie difese. E invece non c’era nessuno che dicesse “È solo una ragazzina, lasciatela in pace” oppure “Non conoscete la sua storia e il motivo per cui è così”. Era come se un bastone fosse uscito dal computer e mi avesse picchiata. Non so chi sia stato a pubblicare quel video che mi definiva la donna più brutta del mondo, ma oggi gli invierei un bigliettino di ringraziamento perché ha cambiato la mia vita”.

Lizzie infatti è diventata una delle maggiori attiviste contro il bullismo e anche partener di Tumblr per la campagna “Post it Forward“, che si occupa della salute mentale ed emotiva dei ragazzi più giovani.

Il 25 settembre del 2015 è uscito un film documentario che parla di lei “A Brave Heart: The Lizzie Velasquez Story” diretto dal regista Sara Hirsh Bordo.

GUARDA IL TRAILER UFFICIALE DEL FILM SU LIZZIE VELASQUEZ -VIDEO-