Home Attualità - Tutte le news in tempo reale La Regina Elisabetta è una rettiliana: l’ultima bufala

La Regina Elisabetta è una rettiliana: l’ultima bufala

CONDIVIDI

La Regina Elisabetta II è una rettiliana. Torna una vecchia bufala del web. I dettagli da CheDonna.it

La Regina Elisabetta durante Trooping the Colour, la parata per la festa dei suoi 90 anni (OLI SCARFF/AFP/Getty Images)
La Regina Elisabetta durante Trooping the Colour, la parata per la festa dei suoi 90 anni (OLI SCARFF/AFP/Getty Images)

Va bene che durante la parata di Trooping the Colour, la grande festa ufficiale che si è celebrata il mese scorso a Londra per festeggiare i suoi 90 anni, la Regina Elisabetta II indossava un completino verde fosforescente che era un pugno in un occhio. Ma arrivare a sostenere che non è umana, ma addirittura una “rettiliana” è l’ultima bufala da perditempo del web. Con questa possiamo dire di averne viste davvero di tutti i colori. Altro che vestitini sgargianti della regina!

La notizia, inventata di sana pianta, per creduloni e asini del web, viene dai siti internet in lingua inglese; “notizia” che i siti dei peridtempo e complottari vari nostrani non hanno mancato di rilanciare.

“La Regina Elisabetta non è umana!!!! Lo ha detto anche Buckingham Palace!!!!”

E’ la nuova scemenza per menti suggestionabili, pronte a credere a tutto, anche agli asini che volano. Soprattutto pronte a far guadagnare tanti soldi, grazie ai click facili, ai cialtroni che pubblicano queste pseudo notizie.

Qualche giorno fa i siti complottisti in lingua inglese hanno pubblicato un presunto comunicato diffuso niente di meno che  da Buckingham Palace. Nel documento è scritto che la regina “non è umana“! La vicenda ha inizio da un comunicato stampa che sarebbe uscito sul sito web ufficiale della Royal Family (www.royal.uk) e poi sarebbe stato rimosso. Si sarebbe trattato di un documento riservato finito sul sito web della Famiglia Reale britannica per errore e poi cancellato in tutta furia.

Nel documento, scritto in un inglese molto elementare e poco istituzionale, si tenterebbe di rassicurare i sudditi dopo aver visto la Regina in una “forma diversa“. Sottinteso, per i siti complottari, quella di un rettiliano.

I siti in lingua inglese hanno pubblicato lo screeenshot del presunto documento e anche lo screenshot dei risultati delle ricerche di Google, di qualche giorno fa, che darebbero prova dell’esistenza del documento in rete. Non esistendo alcuna traccia di quel documento né sul sito ufficiale della Famiglia Reale Britannica, né su NESSUNA testata giornalistica seria, si dovrebbe prendere per vero quello pubblicato su siti web che solitamente scrivono sciocchezze e bufale, soprattutto sono pubblicati da editori anonimi di cui non sappiamo nulla. Viva l’affidabilità!

Gli screenshot pubblicati, infatti, non dicono nulla. Basta saper usare Photoshop per creare un falso. Curioso, poi, è che nello screenshot delle presunte ricerche dei complottari su Google UK il presunto comunicato riservato di Buckingham Palace appaia in prima posizione. Invece sono le notizie su Elisabetta provenienti dai media ufficiali quelle che di solito appaiono per prime nei risultati delle ricerche su Google, seguite dalla home page del sito ufficiale della Royal Family, non da una sua pagina interna, e poi dalla pagina dedicata alla Regina Elisabetta su Wikipedia.

Non solo, basta fare un giretto sul sito ufficiale della Famiglia Reale Britannica (www.royal.uk) per constatare che la grafica dell’attuale sito web è completamente diversa da quella del presunto screeenshot uscito sui siti dei complottisti. Che quindi si conferma un falso. O in linguaggio più colorito una patacca!

Ecco un confronto

buckingham-palace_falso-screenshot

A fianco, il presunto screenshot del fantomatico documento riservato di Buckingham Palace, pubblicato per errore, in cui si scrive che la Regina Elisabetta “non è umana”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il vero sito web della Royal Family, invece, è a scorrimento verticale e parallassse, come i siti di ultima generazione. Ecco qui sotto un esempio grafico, con uno screenshot VERO di un comunicato stampa VERO, pubblicato sul sito web. Lo screenshot è tratto da questa pagina del sito della Famiglia Reale Britannica e racconta una recente visita in Scozia di Elisabetta.

vero-sito_elisabetta

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui sotto invece trovate il presunto screenshot di Google. Guarda caso il fantomatico documento riservato di Buckingham Palace, pubblicato per errore sul sito web della Royal Family, è finito subito al primo posto delle ricerche di Google, semplicemente inserendo come parole chiave “queen elizabeth” nella query del motore di ricerca.

Google-screenshot_finto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco invece cosa compare nei risultati se scriviamo “queen elizabeth” nel motore di ricerca di Google.uk in inglese, e senza essere loggati (quindi ricerca generica su Google del Regno Unito).

Google-screenshot_vero

 

 

 

 

 

 

Come vedete tra i primi risultati ci sono quelli delle ultime notizie uscite sulla Regina Elisabetta sulla stampa britannica e americana, essendo lei un personaggio pubblico di cui si scrive spesso, e NON quelli di un comunicato stampa pubblicato in una pagina interna del suo sito (che potrebbe benissimo anche non essere indicizzata!). Poi compare il sito della Royal Family www.royal.uk e infine la pagina di Wikpedia in lingua inglese su Elisabetta. Semplice, chiaro e cristallino!

Non fidatevi dei falsi disseminati dai “peraccottari”!

Di rettiliano, forse, Elisabetta ha avuto solo il completino verde fosforescente indossato per i festeggiamenti del suo 90° compleanno. Anche se a noi ha fatto più pensare ad un evidenziatore!

Trooping The Colour, la festa per i 90 anni di Elisabetta II – VIDEO