Home Cultura

LIBRI: ‘Compagno del secolo scorso. Una storia politica’

CONDIVIDI

7019725_1647360L’appassionante autobiografia di uno storico esponente del comunismo italiano, una testimonianza inedita su un’epoca cruciale della nostra storia.

Gianni Cervetti è un universitario nella Milano del dopoguerra che sogna di fare il medico. Ben presto però la sua passione politica lo avvicina al PCI e nel 1956 viene inviato a Mosca per studiare da quadro del partito.

Sono anni decisivi tanto per la sua formazione politica e intellettuale quanto per la sua vita personale; qui comincia il lungo percorso che lo porterà a diventare, nei decenni, un grande conoscitore di cose, ambienti e personaggi russi. Nel 1961 torna a Milano e continua il suo impegno nel partito fino ad approdare nel 1975 alla segreteria nazionale con Berlinguer.

In una ricostruzione vivida dei fatti salienti della sua epoca, Gianni Cervetti non solo ci restituisce il clima politico di quegli anni di speranze e disillusioni, ma ci offre personalissimi ritratti umani e aneddoti sui suoi protagonisti: da Giorgio Napolitano a Bettino Craxi, da Concetto Marchesi a Luigi Longo, Emilio Sereni, Giancarlo Pajetta, Emanuele Macaluso e molti altri.

Gianni Cervetti, nato nel 1933 a Milano, ha aderito al pci appena sedicenne. Dopo aver frequentato il liceo classico e la facoltà di Medicina a Milano, si è laureato alla facoltà di Economia dell’Università di Mosca. Al suo rientro in Italia ha ricoperto diversi incarichi alla camera del lavoro di Milano; dal 1966 al 1969 è stato segretario del comitato cittadino del pci e dal 1970 segretario della federazione milanese.

Nel 1975 è stato chiamato alla segreteria nazionale del partito con Enrico Berlinguer, diventando poi responsabile dell’organizzazione. Nel 1984 è stato eletto parlamentare europeo e deputato due volte, nel 1987 e nel 1992.

Ha pubblicato Partito di governo e di lotta (1977), L’oro di Troia. La vera storia del tesoro scoperto da Schliemann (con Louis Godart, 1996) e L’oro di Mosca (1999).