Home Maternità

Ecco ciò che cambia dopo la nascita di un figlio

CONDIVIDI

La vita di una mamma e di un papà cambia dopo la nascita di un figlio. Di colpo, nulla è più come prima.

Quali sono i cambiamenti dopo la nascita di un figlio?

Nascita3

E’ quello che si è chiesto il sito Babycenter.com con l’aiuto dei suoi lettori e ha realizzato una lista delle cose che cambiano, che sono diverse dopo l’arrivo di un bebè. Io, come mamma, mi sono rispecchiata in alcuni di questi punti e li ho personalizzati. Forse non per tutte le mamme è lo stesso, ma credo che alcune voci di questo elenco accomunano tutte le mamme (e i papà), per cui, mi sono permessa di fare una lista in base alla mia esperienza.

Cosa è cambiato dopo la nascita di mio figlio?

  • Tenendo il suo corpicino tra le braccia, ho imparato a godermi ogni singolo momento con lui.
  • Ho scoperto di avere tante paure in più e se prima, tu, non ne avevi, allora inizierai ad averne.
  • Ho imparato che il dolore provato durante il parto è stato il mezzo per poterlo dare alla luce.
  • Ho iniziato a capire i sacrifici dei miei genitori per me, essendo ora disposta a farne per mio figlio.
  • Se un’influenza mi metteva k.o., ora ho scoperto che anche una linea di febbre di mio figlio mi fa star male.
  • Ho fatto un tuffo nel passato, nel mio essere bambina e ho riscoperto la gioia di cantare “il coccodrillo come fa…”.
  • Non avrei mai creduto di essere contenta di vedere tanta pupù, soprattutto dopo giorni di stitichezza del mio bambino.
  • Amavo poltrire nel letto e mi godevo un risveglio soft, ora sembro un soldato che scatta come un centometrista dal suo letto al primo “ngué”.
  • Ho scoperto di avere poco tempo per fare una doccia decente.
  • Esco con l’intento di regalarmi qualcosa di bello, ma torno a casa con un altro libro di animali, due pantaloni, tre magliettine, quattro bodini e cinque paia di calzini.
  • Ho iniziato a conoscere i miei limiti, ma anche una forza che non credevo di avere.
  • Ho imparato che fare la pipì in compagnia non è niente male (se si limitasse a questo!).
  • Ho scoperto di amare la mia pancetta, poiché è il mezzo di relax di mio figlio, oltre a distruggere il mio ombelico.
  • Ho imparato a fermarmi mentre sbrigo delle faccende, anche importanti, perché lui mi chiama e mi chiede attenzioni, c’è sempre tempo per un bacio o una coccola.
  • Ho scoperto che la mia sensibilità è aumentata in modo esponenziale.
  • Guardo con apprensione al futuro, ma senza perdere la speranza di un mondo migliore in cui vivrà mio figlio.
  • Ho imparato a dialogare in “bambinese” ricevendo ottimi vocalizzi in cambio, poi piccole parole e adesso frasi complete.
  • Ho scoperto che l’amore per mio figlio non ha eguali né limiti, è infinito.
  • Ho scoperto che il mio cuore cammina, è alto 90 cm e pesa 13 chili.
  • E ho capito una cosa fondamentale: che mio figlio deve essere felice, non farmi felice.

E i papà? Cliccate successiva per scoprirlo!