Home Attualità

Quaranta anni fa il terremoto in Friuli

CONDIVIDI

Terremoto in Friuli. Sono già trascorsi 40 anni dal terribile terremoto che colpi il Friuli la sera del 6 maggio del 1976.

Il terremoto in Friuli del 6 maggio 1976, i soccorsi il giorno seguente (Keystone/Getty Images)
Il terremoto in Friuli del 6 maggio 1976, i soccorsi il giorno seguente (Keystone/Getty Images)

La sera del 6 maggio del 1976 alle ore 21, il Friuli fu scosso da un terribile terremoto di magnitudo 6.4 della scala Richter. Un sisma devastante che causò quasi 1.000 morti, 990 per l’esattezza, e che distrusse intere città e paesi. La violenta scossa si verificò tra i comuni di Gemona del Friuli e Artegna, in provincia di Udine.

Il terremoto fu avvertito in tutto il Nord Italia e interessò complessivamente ben 77 comuni, per una popolazione di 80.000 abitanti, anche se con diversa intensità di danni, molto più gravi nelle zone vicine all’epicentro.

Un vasto territorio fu sconvolto. Molti paesini risparmiati dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale furono spazzati via. Ovunque fu distruzione, terrore, dolore. Tuttavia, gli abitanti delle zone colpite seppero risollevarsi con grande coraggio e spirito di abnegazione. Ancora piegati dal dolore e con le lacrime agli occhi si misero subito al lavoro per ripulire la zona dalle macerie e poi ricostruire le loro case.

VIDEO NEWSLETTER

Terremoto in Friuli: l’impegno dei volontari

Tutti gli abitanti della zona si diedero da fare nelle prime operazioni di soccorso. Tantissimi giovani friulani raggiunsero i luoghi colpiti dal sisma per salvare qualche vita umana. Si formarono delle squadre coordinate sul posto dai sindaci, dai Vigili del fuoco e dagli alpini della Julia, che si erano subito mobilitati per organizzare le tendopoli per la notte e per quelle successive. Nei paesi più colpiti dalle scosse furono salvate vite umane, grazie al lavoro – a mani nude – di tantissimi ‘angeli’. I soccorsi dello Stato arrivarono solo nel pomeriggio del 7 maggio. All’epoca non esisteva ancora la Protezione civile, che nacque proprio da questa terribile esperienza.